IL GOTHA DELL’ORTOPEDIA IN CONVEGNO A PIEDIMONTE IL PROSSIMO 20 MAGGIO

ITALIANO MICHELEPiedimonte Matese. Che cosa è migliorabile, del dopo ricovero e di conseguenza di quello che sarà il futuro del paziente dopo la dimissione e i vari disagi buorocratici. Di questo ed altro, con una sezione specificamente infermieristica, si parlerà nel convegno di ortopedia in programma a Piedimonte Matese il prossimo 20 e 21 maggio, presso l’Istituto alberghiero.L’appuntamento bi-annuale con il corso di aggiornamento su “Ortopedia e Territorio”, giunto al terzo incontro, quest’anno si presenta con delle novità anche in considerazione del recente riconoscimento per l’Unità operativa di Ortopedia e Traumatologia dell’ospedale matesino, diretta dal dott. Bruno Di Maggio e di centro regionale per la formazione specialistica universitaria. Quest’anno, molta attesa per il primo giorno, anche la sezione infermieristica. Ovviamente i vari temi verranno affrontati  con gli illustri ospiti.

I TEMI

” Continuità assistenziale tra ospedale e territorio”, “Competenze e responsabilità nei diversi contesti delle cure assistenziali”, ” La nefro-ortopedia: interazioni clinico-chirurgiche”, “Le infezioni: la biotecnologia al servizio dell’ortopedia e della traumatologia”, ” Il mal di schiena: approccio multidisciplinare” e “Obesità ed alimentazione fattori di rischio della chirurgia ortopedico-traumatologica”.

LA  SEZIONE INFERMIERISTICA PREVISTA PER IL POMERIGGIO DI VENERDI 20 MAGGIO

“Tutto è migliorabile” questo è  il nostro modo di pensare, almeno per noi che viviamo a contatto diretto con pazienti fragili, meno fragili e i loro familiari-spiega il coordinatore del corso –sezione infermieristica, Michele Italiano (nella foto) – non mi riferisco a persone che stanno lì per rompersi come se fossero degli oggetti di  cristallo ma di persone che sono portatori di diverse malattie che a sua volta si associano alla frattura.   Questo sarà l’argomento di cui  parleremo giorno 20 e 21 maggio.

  • Il tema molto importante è cosa migliorare?

“Si, si discuterà su cosa migliorare –dice Michele Italiano –  ed in che modo, del dopo ricovero, ovvero dopo la dimissione, cioè quando il paziente viene affidato al medico del territorio, ad i suoi familiari, oppure ai centri specializzati al recupero ma discuteremo  per la terza  volta in che modo eliminare le barriere burocratiche, economiche e quant’altro possa essere un disagio per i pazienti”.

  • Per i partecipanti sono anche previsti dei crediti?

“Si, sono previsti crediti e.c.m. per infermieri, medici fisioterapisti”.

 

 

 

 

 

 

About Lorenzo Applauso (2189 Articles)
Iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti, già direttore e fondatore della testata giornalistica italianews24.net e attualmente alla direzione di Casertasera.it. Collaboratore di numerose testate nazionali e locali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: