CONDANNA L’AFFISSIONE SELVAGGIA DEI MANIFESTI DI ALCUNE LISTE ELETTORALI, AFFISSI ABUSIVAMENTE AD ALIFE

13219976_10206532923738909_2107986179_nAlife. Dura presa di posizione del Movimento per la Pace della provincia, presieduto da Agnese Ginocchio nativa di Alife, uno dei comuni chiamati al voto il prossimo 5 Giugno. Ecco quanto scrive la testimonial della Pace: “Al di là di simpatie, di amicizie personali e di legami familiari, stiamo cercando di mantenere una posizione neutrale in questo periodo elettorale, in quanto ci piace da sempre essere osservatori per poi poter esprimere una giusta preferenza, si spera, applicando il principio di trasparenza ma soprattutto per non tradire l’obiettivo che muove tutto il nostro impegno: l’ affermazione del Diritto alla Pace. Ebbene, questa sera abbiamo assistito ad una scena davvero sconfortante. Mentre ci recavamo in visita presso l’area che ospita l’Albero della Pace, abbiamo visto muri di abitazioni dismesse e pali dei tralicci dell’enel tappezzati di manifesti abusivi elettorali appartenenti ad una delle due liste contendenti. La cosa non ci ha fatto per niente piacere. La tentazione a scattare qualche foto è stata forte, ma subito ha prevalso il sentimento di delusione. Ancora una volta assistiamo a metodi di sopraffazione e di arroganza. Si parla e si decanta tanto la legalità, ma nessuno si è mai chiesto che la legalità non potrà avere alcun valore senza affermare il Diritto giuridico alla Pace. L’enorme sforzo che in questi ultimi anni stiamo facendo con le Scuole e gli Enti locali, attraversando i comuni dell’hinterland di Terra di lavoro e campani, con il passaggio della “Fiaccola della Pace” dei 100 anni della grande guerra (l’anno scorso riuscimmo a portare anche in questo nostro Comune l’importante mobilitazione ), finalizzato a raccogliere le adesioni di Enti locali e di Scuole, per l’affermazione del Diritto alla Pace, mediante la nascita di un coordinamento provinciale e regionale degli Enti Locali e delle Scuole di Pace, è enorme! L’unico nostro obiettivo in un tempo di crisi globale, che non offre alcuna aspettativa di sicurezza, è investire in valori e formare le giovani generazioni con la collaborazione delle Scuole e degli Enti Locali, alla coscienza di Pace, consapevoli che senza l’affermazione di questo valore incommensurabile e supremo della storia, non potrà esserci rilancio del territorio, turismo, economia e futuro stabile. Ma siamo ancor più consapevoli che per costruire questo futuro abbiamo bisogno che la politica si trasformi in Politica di e per la Pace, che chiuda le porte della propria amministrazione ai corrotti e ai mafiosi e dedichi ampio spazio alla formazione e alla vicinanza ai problemi della Comunità di cui si è a capo. Ma per questo bisogna essere innanzitutto d’esempio. Ogni atteggiamento che sa di sopraffazione e di arroganza, nuoce gravemente la difesa del Bene Comune e si ripercuote come un boomerang sulla formazione delle giovani generazioni. Il lavoro che svolgiamo quasi ogni giorno davanti all’Albero della Pace, dove, con i giovanissimi che spesso sono lì presenti nell’area adiacente al parco giochi, ci riuniamo per discorrere sulle problematiche locali e globali, non ha prezzo. La formazione alla coscienza critica che cerchiamo di infondere in loro come una vera e propria Scuola in piazza, fuori dai banchi ( ci piace ispirarci al metodo didattico ed educativo di don Milani), è incredibile! Basta dire che ieri mentre chiedevamo di formulare una preghiera per la situazione politica, alcuni di loro si misero a ridere… Probabilmente non hanno una grande considerazione degli adulti, proprio perché gli adulti non sono capaci di trasmettere loro esempi di coerenza nei comportamenti. E i giovani che ci osservano sono i primi giudici. A noi sinceramente preme più assicurare loro una “Città a misura di ragazzi”, dove poter esprimere la loro creatività, realizzare e dipingere i loro sogni, ascoltarli e guidarli verso la buona strada, che una comunità egoista, indifferente e apatica all’impegno per il sociale. Proprio perché a noi preme molto la formazione dei giovani discenti, e per l’immenso lavoro di educazione che stiamo portando avanti, chiediamo ai candidati della lista i cui manifesti sono stati affissi abusivamente, nel nome della coerenza e della legalità che tale può affermarsi a patto che si cerchi di stabilire sempre un rapporto disinteressato, equilibrato e diplomatico, scongiurando ogni atteggiamento o comportamento che cada nel turpiloquio o nella diffamazione verso l’avversario, di ordinare l’ immediata rimozione dei manifesti abusivi, per rivendicare con forza il principio stesso sul quale si sta muovendo la linea della propria campagna elettorale, altrimenti si rischia seriamente di screditare la lista di cui si è a capo ( predicano bene e razzolano male). Cogliamo l’occasione per invitare tutti i candidati alle liste elettorali a venire a visitare l’ Albero della Pace, monumento vivo dedicato a tutti i nostri cari caduti in guerra, verso i quali occorre portare massimo rispetto e farne memoria, in quanto diedero la loro vita per farci vivere oggi in condizioni di libertà e di Pace ( così dovrebbe essere..). L’Albero della Pace ci richiama ad ascoltare la “voce della coscienza”, ad adottare comportamenti leali, trasparenti, rispettosi, pacifici e nonviolenti, aperti al dialogo e a mettere sempre al primo posto il sacrosanto valore della Pace senza il quale non può esserci né politica vera e né futuro. Invito infine ad ispirarvi ai grandi Leader della storia che hanno saputo insegnare l’arte del fare vera Politica nonviolenta, di e per la Pace”
About Redazione (10220 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: