LA SINDROME DI STOCCOLMA, QUELLA “STRANA” ALLEANZA VITTIMA CARNEFICE

 

SINDROME STOCCOLMA|Dr. Antonio Cantelmo *| La Sindrome di Stoccolma è una patologia di cui si parla poco ma prendiamo spunto da una lettera che ci è pervenuta in redazione in queste ultime ore da parte di una donna che ha preferito conservare l’anonimato e che a suo dire, avrebbe avvertito alcuni segni di questa sindrome nel corso di una esperienza particolare della vita. “Per questo – dice rivolta al Direttore di questa testata-vorrei conoscere meglio la malattia. Noi, ci siamo rivolti al Dr. Antonio Cantelmo medico chirurgo, specialista in Psicologia Clinica e Psicoterapia e membro della Società Italiana di Psichiatria. – Che cosa si intende per Sindrome di Stoccolma? “Il termine “ Sindrome di Stoccolma “ – dice lo specialista – è stato per la prima volta utilizzato da un agente speciale dell’ FBI, Conrad Hassel , in seguito ad una storica rapina avvenuta in Svezia tra il 25 ed il 28 agosto 1973 presso la Sveriges  Kreditbank di Stoccolma : due rapinatori tennero in ostaggio quattro persone per 131 ore( tre donne ed un uomo ). Pur essendo la loro vita messa in continuo pericolo, durante la prigionia si mise in evidenza che le vittime temevano più la polizia che i rapinatori ; addirittura una delle vittime sviluppò un forte legame affettivo e sentimentale con uno dei rapinatori (legame che durò anche a termine di tale episodio ). Dopo il rilascio e durante il processo dai sequestrati venne chiesta clemenza per i sequestratori; alcuni testimoniarono in loro favore”. – Quali sono i segni della sindrome?

“Tale sindrome evidenzia inverosimili rapporti empatici che si instaurano tra vittime di sequestro e sequestratori, come fosse un’ automatica risposta emotiva ed inconscia al trauma. Essa in linee generali va distinta in tre fasi : 1 ) sentimenti positivi degli ostaggi verso i rapinatori, 2 ) sentimenti negativi degli stessi verso la polizia, 3 ) reciprocità di sentimenti positivi. La sindrome di Stoccolma può coinvolgere “ vittime e carnefici “ di ogni età , di ambo i sessi, di ogni nazionalità e senza distinzione alcuna di “ background “ socio – culturale ( complesso di circostanze e di esperienze in cui si colloca un fenomeno storico e di costume).Tutto è giustificato dal fatto che appena dopo il sequestro le vittime manifestano stato confusionale come risposta tipica al trauma , frenetica attività , diniego,illusione di ottenere la liberazione ed esame di coscienza. Superato il trauma iniziale,la vittima torna consapevole della situazione che sta vivendo e pertanto deve trovare un modo per sopportarla; si isola dal mondo esterno agevolando la alleanza con il sequestratore. L’ assenza di esagerate esperienze negative,quali percosse , violenza carnale ed abuso fisico, facilita la genesi della sindrome. Spesso il legame inizia sulla base di un comune risentimento nei confronti della polizia,la quale viene considerata più debole del delinquente stesso poiché ha fallito nel suo ruolo di garante dell’ ordine pubblico e di protezione dal momento che il sequestro è avvenuto”. – Quanto può durare questa patologia? “Una volta sviluppatasi non si conosce la possibile durata di tale sindrome ; pare possa sussistere per mesi o anni. Infine è utile sottolineare che , in chi ha sviluppato la sindrome di Stoccolma, si siano riscontrati a distanza di tempo variabile : disturbi del sonno , incubi , fobie, trasalimenti improvvisi , flashback ( episodio del passato che ritorna alla mente ) e depressione .

 

*Dott. Antonio Cantelmo : Medico – Chirurgo, Specialista in Psicologia Clinica e Psichiatria, Dirigente Medico U.O.C. Medicina Generale e Pronto Soccorso ASL CE, Socio consigliere  della Società Italiana di Psichiatria – Pratella ( CE ) 0823/783600 – 330/659140 – antonio.cantelmo@libero.it

 

 

 

About Lorenzo Applauso (2187 Articles)
Iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti, già direttore e fondatore della testata giornalistica italianews24.net e attualmente alla direzione di Casertasera.it. Collaboratore di numerose testate nazionali e locali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: