Ultime notizie

LA FINE DELLO SPORT NELLA CITTA DI SAN PRISCO: SOLO LA TIFATA BOXE CONTINUA A MIETERE SUCCESSI. E IL CALCIO?

hqdefault|Carmine Eliseo|San Prisco. Ricordare l’ex presidente della Unione Sportiva San Prisco, squadra che ha militato nel campionato di Promozione negli anni 70, e che perse la finale per accedere alla serie superiore in una sfortunata partita con una squadra molto più forte.  Ahimè, la città di san Prisco ha avuto tanti calciatori, alcuni sfortunati come il centrocampista Francesco Esposito ed il portiere Giuseppe Vardaro, giovani promesse nel 1967, quando ad un provino con la U.S. Gladiator, il cui allenatore era mister Lucignano, furono acquistati dalla Scuola Calcio guidata dal rag. Domenico Abbate. E poi i leoni della U.S. San Prisco, il cui presidente zio Ninuccio Casertano, ancora lucido per ricordare quei tempi, quando L. La Cioppa, Franco D’Orso, Ninuccio D’Orso, portiere del Gladiator in Promozione, e tante altre giovani promesse che dagli anni 70 in poi , ognuno prese la sua strada, senza dimenticare un’ala sinistra un tal Martucci di Casagiove che faceva impazzire tutti i terzini delle squadre avversarie per la sua velocità ed il suo tiro mancino che centrava sempre la rete avversaria. Tante le giovani signorine dell’epoca che si mettevano dietro la rete del grande portire della U.S. San Prisco, Giovanni Talente, che aveva bisogno del tifo del sesso femminile per esaltarsi ed effetuare le parate piu difficili, senza dimenticare che lo stadio ove si giocava era in terra battuta senza erba, ed ancora oggi in uso , il “F.Pecccerillo” un lascito dei Padri Oblati al Comune . Poi nel 1990 il gioiellino “Caduti di Superga” uno stadio con tribuna centrale, campo regolamentare per effettuare campionati dino alla serie C. Nella città di San Prisco l’ amministrazione dell’epoca, grazie allinteressamento di una grande politico casertano, assessore regionale, originario di Vitulazio, il dottor Pierino Lagnese, fu dato all’amministrazione comunale dell’epoca un corposo finanziamento che occorreva per finanziare questa struttura che tutta Terra di Lavoro ci invidia. E la squadra di calcio? L’assessore Domenico Schiavone è ancora in tempo per organizzare un gruppo di imprenditori locale e costituire una società sportiva per partecipare ad un campionato di Terza Categoria con pochi spiccioli, tanto a san prisco vi sono tanti ex calciatori che vorrebbero indossare una maglia con la scritta”CITTA DI SAN PRISCO” con lo stemma del Comune ed il simbolo della nascente società. Negli anni 90, San Prisco aveva tre societò: Il CLUB NAPOLI  San PRISCO, l’US GARIBALDINI SAN PRISCO e la gloriosa U.S. SAN PRISCO, ed il sindaco dell’epoca, ing. Francesco Zibella, elargì contributi per tutte e tre le societa, secondo le modeste possibilità economiche delle finanze dell’epoca. Ed oggi, come mai il gioco del “CALCIO” deve essere solo patrimonio di alcuni comuni della provincia di Caserta, alcuni anche in dissesto finanziario che attraverso i loro amministratori trovano gli sponsors per finanziare le casse delle societa calcistiche. A quando questo miracolo? Il presidente Casertano, abbiamo incontrato al Bar ci ha detto testualmente: ” I nostri politicanti sono distratti dalle loro problematiche e non ad organizzare una squadra di calcio”.

Informazioni su Lorenzo Applauso (681 Articles)
Iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti, già direttore della testata giornalistica italianews24.net e attualmente alla direzione di Casertasera.it. Collaboratore di numerose testate nazionali e locali.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: