Ultime notizie

PIEDIMONTE, AL MUCIRAMA “ORZO E GLADIO, LA DIETA DEL GLADIATORE”, IL 28 MARZO CON LA COLLABORAZIONE DELL’ALBERGHIERO

Piedimonte Matese. Forza bruta, violenza, donne bellissime e fiumi di sangue: nell’immaginario collettivo sono questi gli elementi caratteristici dei combattimenti tra gladiatori che allietavano i giochi e le feste nella Roma del secondo secolo dopo Cristo, che hanno fatto la fortuna di colossal holliwoodiani come Spartacus e Il Gladiatore. Tante le storie epiche che hanno appassionato scrittori antichi e moderni sulle gesta, reali o presunte, di schiavi idolatrati dal popolo ma trattati come merce. Merce preziosa, ma pur sempre merce. Nel tempo moderno, le loro imprese sono state rese leggendarie dalle scoperte, intorno alla metà del Settecento, di potenti e pesantissime armi, soprattutto quelle di Pompei. Passione curiosità per le loro prodezze e per la loro storia esercitano ancora ai giorni nostri un grande fascino, meno nota è la loro quotidianità: gli sfiancanti allenamenti ed appunto la loro alimentazione. Galeno, famosissimo medico dell’antichità racconta le sue lunghe giornate dedicate alla cura dei gladiatori e riserva una particolare dedizione alla loro efficienza fisica, basandola anche sulla costruzione di appositi programmi alimentari. Diete pensate per potenziale struttura e tono muscolare. Atleti e campioni andavano controllati e seguiti con cura in un tempo in cui le condizioni di vita non erano certo facili, specie se dai combattimenti non si acquistava grande fama. In un anno ogni gladiatore poteva scendere nell’arena dalle due alle quattro volte e viveva in una condizione cronica di stress guidato dalla costante  paura di essere ucciso.  Non altissimi, vegetariani e rispettosi delle regole questo un primo quadro dei combattenti che gli studi archeologici tratteggiano a partire dalle loro stesse ossa. La dieta, gli allenamenti, i combattimenti di 67 gladiatori sono stati infatti ricostruiti grazie ai loro resti, scoperti dagli archeologi dell’università di Vienna nel 1993 ad Efeso, sulla costa egea della Turchia. Dal 2003 ad oggi quelle ossa sono state studiate con metodi di polizia scientifica e da un equipe di paleopatologi dell’Universita’ austriaca. I gladiatori di Efeso avevano dei livelli di calcio elevati; integravano la loro dieta con birra d’orzo  miscelata a cenere d’osso e legno carbonizzato. I romani cioè, in qualche maniera avevano scoperto che alcuni alimenti erano migliori di altri soprattutto per le ossa, li rinforzavano e li facevano guarire più rapidamente. Si deve anche a queste abitudini se gladiatori erano soprannominai hordearii cioe’ “mangiatori d’orzo”. Il loro piatto forte di cui si parlerà diffusamente, e che i ragazzi dell’istituto Alberghiero E.V. Cappello proveranno a riprodurre, era la “sagina”, una zuppa d’orzo con legumi, bagnata con vino acetato. Martedì 28 marzo 2017, alle ore 11.00 nell’auditorium Sveva Sanseverino del Mucirama.

Informazioni su Valentina Monte ()
Giornalista Pubblicista iscritta all' Ordine dei Giornalisti della Campania

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: