DOPO DUE ANNI DI AMOREVOLI CURE, LIBERATE IN MARE “VALIZIA” E “VIVENTI”, LA COPPIA DI TARTARUGHE

C’è tanto della Napoli animalista ed amante del buono e del bello della natura e dell’ambiente che ci circondano nel salvataggio, nell’accoglienza, nella cura e nella rinascita alla vita dei due splendidi esemplari di tartaruga caretta caretta(un paio di anni or sono, erano state salvate, in due distinte operazioni, mentre, evidente difficoltà, nuotavano nelle acque di Gaeta e dell’isola di Palmarola) che, dopo essere state amorevolmente accudite e riabilitate, per ben due anni, una presso la Stazione Zoologica “Anton Dohm”, dello splendido capoluogo partenopeo, l’altra nelle moderne e funzionali strutture dello “Zoomarine”, di Pomezia(Roma), sono state liberate nel loro ambiente naturale, il mare. L’evento, nelle acque dominate dalla cittadina di San Felice Circeo(Lt). Qui, “Valizia e “Viventi”, come gli operatori che, finora, hanno tenuto in cura la coppia di testuggini, le hanno, affettuosamente, soprannominate, hanno cominciato quella che, da ora in poi, sarà la loro nuova vita. Come fatto con la notizia dei cinque cuccioli di cane abbandonati, ieri mattina, nel Beneventano, ad opera di incivili e, purtroppo, ancora impuniti individui, questa bella e lieta notizia ci spinge a fare altrettanto oggi. Infatti, nel nostro, mondo balzano, c’è che ama gli animali e chi li odia e, Dio ce ne salvi, anche madri snaturate, per le quali neanche la vita dei loro figli vale più di tanto. E’ quanto ha avuto il coraggio(barbaro) di fare l’ancora sconosciuta puerpera che non ha esitato un attimo nel buttare, come fosse in fagotto sporco, di cui liberarsi alla svelta, la creatura, che, poco prima, aveva partorito. Che schifo.

About Redazione (9507 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: