Ultime notizie

ALIFE, LA TRISTE STORIA DI “LEO”, CAPRIOLO SCAMBIATO PER CERBIATTO, MORTO SOTTO UNA MACCHINA

Emiddio Bianchi. Alife. Leo ha finito di saltellare ieri mattina a pochi metri dalla periferia di Alife. E’ finito sotto una macchina e per lui non c’è  stato scampo. Quelli che erano stati presi per matti quando dicevano di avere avvistato più  volte un cervo (risultato poi un capriolo) a pochi metri dalla città, gli avevano persino dato un nome, Leo appunto. E non avevano affatto le traveggole. In realtà, pensavano che fosse scappato dal recinto di qualcuno a cui faceva piacere tenerlo chiuso dentro anziché  vederlo girovagare per i boschi. E invece il piccolo capriolo viveva la sua libertà, un po’ lontano dai quei boschi del Matese dove alcuni suoi antenati erano stati immessi in natura qualche anno fa, in seguito ad un mirabile progetto di ripopolamento della zona ideato dalla Comunità  Montana del Matese. Un habitat perfetto per questi splendidi animali che in pochi anni si sono moltiplicati di parecchio tanto che pare che li ospiti in decine di esemplari ogni angolo della montagna, da Sant’Angelo ad Alife, da Castello a San Potito. Povero Leo, costretto a scendere a valle alla ricerca di pozze d’acqua per dissetarsi, spingendosi magari fino alle rive del Volturno, dove pare che anche lì  sia stato avvistato. Il suo innato sesto senso lo conduceva da quelle parti dopo che la deforestazione a volte incontrollata aveva contribuito ad essiccare nel sottobosco le “suoglie”, quelle pozze d’acqua che soddisfavano la sua sete. Era un giovane capriolo, Leo, e a volte proprio per inesperienza faceva cose che i suoi genitori gli avrebbero sconsigliato, come quella di attraversare la strada in un punto pericoloso. Ha destato scalpore la sua tragica fine, ma sta destando altrettanto scalpore avere scoperto che le montagne del Matese accolgono specie di animali protetti di cui nessuno era a conoscenza. Un motivo in più  per amarle e rispettarle, insieme agli animali che le popolano.

Informazioni su Redazione ()
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: