STUDENTI IN MEDICINA AMMESSI A FREQUENTARE DOPO RICORSO AL CONSIGLIO DI STATO MA IL MINISTERO DORME. SCATTA IL COMMISSARIAMENTO

Caiazzo. Diventa una vera battaglia a colpi di carta bollata fra il Ministero e gli studenti in Medicina che dopo la sentenza, assistiti dall’avvocato caiatino Pasquale Marotta, dovevano essere ammessi a frequentare la facoltà. Una decisone che fa giurisprudenza e che è diventata un caso di rilievo nazionale.  Tutto questo però   non bastava, evidentemente,   tanto che il noto avvocato caiatino ha dovuto presentarne un altro, sempre al Consiglio di Stato, attraverso il quale chiede la nomina del commissario ad acta, ricorso anche questo accettato.  Lo ricordiamo, gli uffici romani,  dopo il decreto emesso lo scorso 28 febbraio dal Consiglio di Stato non hanno ancora provveduto a dare esecuzione alla pronuncia dei giudici, ammettendo i circa 450 aspiranti medici ai corsi. Ora, il commissario nominato nella persona del Direttore della Direzione Generale per lo studente del Miur,  dovrà provvedere in sostituzione del Ministero inadempiente, entro il termine di 60 giorni.

 

 

About Redazione (9842 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: