PIEDIMONTE MATESE, COMUNITA’ IN FESTA PER IL CENTENARIO A PIEDI A MONTEVERGINE

 Giuseppe Terminiello|Piedimonte Matese, La comunità in festa per il centenario a piedi a Maria SS. di Montevergine. Fervono dunque  i preparativi   per il centenario del Pellegrinaggio piu’ antico della storia recente   verso il Santuario di Montevergine per la venerazione a Mamma Schiavona. Un appuntamento radicatissimo tra i fedeli di Piedimonte M., Sepicciano , San Potito S.,  , Gioia Sannitica , Faicchio. Il cristianesimo ha una sua peculiare interpretazione del pellegrinaggio. Esso è legato, in primo luogo, a un santuario. Come esprime il termine stesso, è uno spazio sacro delimitato che lo rende diverso da ogni altro luogo. La terra, giustamente chiamata «santa», per aver accolto in sé il mistero del farsi uomo da parte di Dio, offre un’opportunità unica. Dal primo pellegrinare di Abramo verso una terra che il Signore gli avrebbe mostrato fino ai pellegrinaggi dei nostri giorni, si nota un incessante ed incantevole esprimersi dell’animo umano nel tendere verso una meta, viverla in conformità e coerenza con l’obiettivo prefissato, può essere sorgente di vera spiritualità dalla quale in un tempo come il nostro, molti si sentono attratti e ne ricercano il senso. Saranno in molti i pellegrini che si incammineranno il giorno 8 agosto provenienti dalla varie comunità della diocesi di Alife – Caiazzo . Un pellegrinaggio che affonda le sue radici nel passato ( cenni storici ) – Giovangiuseppe Fontanella , figlio di Giovanniantonio e Maria Francesca Santangelo, nato il 12 Agosto 1875 a Piedimonte d’ Alife e sposato con Maria Rosaria Mezzullo l’ 11 Maggio 1905.,nel 1915 fu chiamato alle armi per la prima guerra mondiale sul piave (Alpi). Durante quel conflitto a fuoco, in seguito ad una cannonata, decedette tutto il plotone. Lui riusci a salvarsi gettandosi in un burrone con un commilitone di Alvignano Giuseppe Mone, (figlio di Pasquale e Mariangela Fiorillo, nato il 02 Novembre 1884 a Piana di Caiazzo, sposato poi con una Alvignanese Angela Mone il 19 novembre 1906). Rimasero li’ per diversi giorni, cibandosi con radici di alberi e dissetandosi con la neve. In quella occasione di sconforto a G. Fontanella gli apparve la Madonna di Montevergine in sogno ed in un secondo momento anche a G. Mone rassicurandoli di pregare e restare sereni perché sarebbero rientrati incolume a casa e dar modo a loro di riabbracciare le loro famiglie . Nel ritornare a casa intorno al 1918 nel tener fede alla Madonna per la grazia ricevuta entrambi diedero vita ad un pellegrinaggio partendo dai loro paesi di residenza ( Alvignano / Piedimonte d’ Alife ) per incontrarsi e raggrupparsi a Milizzano (Bn) per proseguire insieme attraversando tre province Caserta, Benevento e Avellino fino a raggiungere il santuario della Vergine (AV),ancora oggi negli anni la tradizione si è perpetuata anche dopo la scomparsa di G. Mone e G. Fontanella, mantenendo inalterato il percorso e quello spirito di sacrificio e penitenza. E ancora oggi nei secoli il primo mercoledi dopo la prima domenica del mese di agosto ( giorno 8-9-10-11 agosto ), diversi fedeli ripercorreranno i chilometri che separano Pidimonte M. dal Santuario della Vergine di Montevergine mantenendo inalterato il percorso . I pellegrini si raduneranno presso la chiesa Ave Grazia Plena in Piedimonte M. alle ore 15:30 per la recita del Santo Rosario, a seguire la S. Messa e la partenza attraversando le varie comunità della diocesi Alife – Caiazzo ,quelle Beneventane e al termine quelle Avellinesi. Infine presso l’ ex Edificio scolastico di Calvisi alle 20:30 del 29/07/2018 verrà presentata una mostra fotografica e un convegno in occasione del centenario.La popolazione tutta è invitata a partecipare.

ECCO IL PROGRAMMA

SOSTE E TAPPE

– Piedimonte matese : ore 15.30 rosario ore 16.00 Santa messa in Ave Gratia Plena, partenza del pellegrinaggio.arrivo a San Potito Sannitico e benedizione presso la chiesa dell’ Ascensione.

– Auduni: (fontana) – sosta

– Gioia Sannitica : (ingresso del paese )­ – raggruppamento

– Faicchio: sosta

– Amorosi: tappa e cena (nn più di 30min.)

– Nelizzano: tappa, riposo e partenza alle ore 4:00 (vietato il vallone)

– Montesarchio: tappa e riposo nella villa comunale. Partenza alle ore 17:00

– San Martino: sosta -raggruppamento(si prega di nn avviarsi prima della croce)

– Pannarano: sosta

– Pietrastornina: tappa, riposo. Partenza ore 4.00

– Scoperta del Monte: sosta e preghiera alla Vergine

– Ospetaletto: ingresso nel monte

– Via Crucis prevista per le 09:30 circa

– Montevergine :ingresso per la vecchia scala in ginocchio fino alla immagina della Madonna – Santa Messa ore 11:00 celebrata dall’ Abate di Montevergine e concelebrata da alcuni sacerdoti della nostra Diocesi.

P.s. chi rimane per Santa Filomena partenza il giorno dopo al mattino santa messa saluto a Maria S.S. di Montevergine e partenza per Santa Filomena

REGOLAMENTO

– Rispettare gli orari; camminare riuniti

– Vestire con decenza;

– Lasciare pulito ogni luogo in cui si sosta, compresi i servizi igienici messi a disposizione onde evitare spiacevoli richiami

– Munirsi di giubbino catarifrangente

N.B. Quando giungono i chiudi fila alle soste o alle tappe, la compagnia si trattiene per altre 15 nim. per permettere agli stessi il meritato riposo.

* Chi vuole partecipare al pellegrinaggio può farlo liberamente

About Redazione (9845 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: