Ultime notizie

ALIFE, FINISCE IN CARCERE PERCHE’ ACCUSATO DI PEDOFILIA

Il Giudice delle Indagini Preliminari, in data odierna, condividendo la richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica di S. Maria C.V., in seguito al fermo di indiziato di delitto disposto dal P.M. ed eseguito dai Carabinieri della Stazione CC di Alife in data 20.7.2018, ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere a carico di G. M. cl. ’63, ritenuto responsabile dei delitti di cui agli artt. 81, 609 bis e 609 ter c.p. in danno di due sorelle dell’età di anni 7 e 8, all’epoca in cui sono iniziati gli abusi sessuali, figlie della compagna dell’indagato, cui era legato da una relazione sentimentale.Il procedimento penale origina dalla querela sporta dai genitori delle minori, in seguito alla quale, con assoluta tempestività, la Procura  escuteva a sommarie informazioni le ragazze, oggi adolescenti, con le modalità protette previste dal codice di rito. Nel corso dell’audizione, le minori ricostruivano, in maniera precisa e concordante, seppur con notevoli sforzi dovuti alla gravità dei fatti che per la prima volta si trovavano a raccontare per intero, i drammatici abusi sessuali che l’indagato le aveva costrette a subire o compiere nella fascia di età dai 7 ai 1O anni, commessi quando si trovava da solo con le minori, approfittando dell’assenza della madre, la quale riponeva in lui piena fiducia, tanto da affidargli le figlie.L’indagine diretta da questo Ufficio  di  Procura,  dopo  appena 48 ore dall’iscrizione della notizia di reato, ha condotto al fermo dell’indiziato di delitto, imposto dalla gravità dei fatti emersi, nonché dalla personalità allarmante e pericolosa dell’indagato, il quale, peraltro, aveva la disponibilità di diverse anni e, in diverse occasioni, nel corso della stabile relazione intrattenuta con la madre delle minori abusate, aveva utilizzato violenza fisica e verbale anche nei confronti della stessa, la quale, infatti, pure ascoltata nel corso delle  indagini, riferiva  di un soggetto dalla personalità manipolatoria, vendicativa e pericolosa.

Informazioni su Redazione ()
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: