Ultime notizie

PREVENZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO, IL SINDACO DI PIEDIMONTE MATESE DI LORENZO CHIEDE AIUTO ALLE ISTITUZIONE

Piedimonte Matese I gravi disastri di queste ultime ore legati al maltempo e alla complicità dell’uomo,  hanno allertato anche i sindaci delle numerose città.  Piedimonte Matese che rientra in una mappa  a rischio sismico ed idrogeologico non ha lasciato  certamente  indifferente il sindaco  Luigi Di Lorenzo che ha diffuso la nota   inviata alle varie istituzioni competenti attraverso la quale chiede loro aiuto al fine di evitare tragedie anche in quest’area.

“Con grande dolore nel cuore per i disastri che stanno flagellando il Bellunese e la Sicilia –si legge –  , in qualità di Sindaco pro tempore della nostra Città, sento di dover concentrare l’attenzione sulla possibile prevenzione . Piedimonte Matese  fu inserita tra le dieci Citta a maggiore rischio sismico ed idrogeologico nel decreto Casa Italia ora apparentemente soppresso .Sebbene recentemente siano  stati acquisiti due cospicui finanziamenti , nelle more delle procedure per l’avvio della progettazione e realizzazione dei lavori,  serve manutenzione e messa in sicurezza .Mi rivolgo perciò ai Ministeri competenti, al Governatore della Regione Campania in de Luca , agli Onorevoli regionali locali ed alla sempre  disponibile Ass Regionale Sonia Palmeri,  al Direttore del Genio civile di Caserta, al comando vigili del fuoco provinciale ed alla compagnia carabinieri Piedimonte Matese nonché al soprintendente di Caserta ed ai nostri responsabili ing. Meoli ed ing tecchia.

Scrivo a nome della cittadinanza di Piedimonte Matese per chiedere alle SSLL ” con urgenza” aiuto ed adempimenti ciascuno per la propria competenza. La Città di Piedimonte Matese presenta il pericolo soprattutto  nell’area Urbana e non nelle Zone rurali. La Città viene da decenni di assoluta assenza di manutenzione puntuale in tal senso è la pericolosità per il centro abitato è legata a diversi pericoli naturali. Il Vallone Paterno classificato come area urbana necessita di controlli e manutenzione come mai accaduto fino ad ora ed agli atti non ho ritrovato documentazioni circa manutenzioni del Rivo relativa agli ultimi 2 decenni. La sua parte scoperta necessità una urgente manutenzioni nonché, come segnalatoci da tecnici locali ” necessità una seria verifica dello stato di conservazione nella parte tombata”. Nel quartiere Sepicciano c’è bisogno di una accelerazione dei nostri ( LLSSPP ed Urbanistica) dopo aver recuperato i fondi per il Vallone D’Agnese e del perfezionamento delle autorizzazioni che attende la Comunità Montana per il “Battiloro”. Il Torano infine rappresenta anch’esso un pericolo da monitorare costantemente alla luce delle nuove tecnologie. Il nostro grido d’allarme è forte e le risposte non possono ridursi a scarico di responsabilità tra Enti. Per cui dopo l’assegnazione del fondo Rendis per la progettazione siamo a chiederVi ed a chiedere al Governatore sempre attento per il Matese, per la Città di Piedimonte “fondi straordinari” per la manutenzione ordinaria prima che accadimenti come nel Bellunese o in Sicilia accadano irrimediabilmente nel Matese. La nostra Città è tra le 10 e più alto rischio idrogeologico e sismico!. Al Genio Civile la richiesta reiterata di segnalarci percorsi e disponibilità finora non intercettate. Al Presidente del Consorzio Bonifica la cortese richiesta di provvedere alla manutenzione dei rivi e dei tracciati idrici di propria competenza al fine di non intralciare eventuali deflussi anomali.. Al nostri dirigenti P.P.O.O.che ricevono per cc, la preghiera di effettuare nelle prossime ore sopralluoghi e “computometrici” con le quale identificare chiaramente necessità urgenti e risorse necessarie prima che l’irreparabile accada anche da noi anche a causa di ventennale mancanza di manutenzione e scelte scellerate quali percorsi tombati che ho chiesto al RUP del PUC di eliminare. Sempre agli stessi l’indicazione di contattare il Dipartimento di Ingegneria  Idraulica al fine di valutare rischi e criticità relative alle zone tombate ed in particolare al parcheggio coperto di piazza de Benedictis e di Via Lupoli per la qualche auspichiamo in ritorno ad un percorso aperto del Torano ora tombato. Ho il dovere ora come mai accaduto prima, di richiedere a  tutti i destinatari supporto per il Matese come mai accaduto finora. Certi di vostri risconti”.

Informazioni su Redazione ()
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

1 Commento su PREVENZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO, IL SINDACO DI PIEDIMONTE MATESE DI LORENZO CHIEDE AIUTO ALLE ISTITUZIONE

  1. NOI MATESINI INCAZZATI NERI // 4 novembre 2018 alle 21:42 // Rispondi

    Più che chiedere aiuto, farebbe bene a dimettersi ad hoiras !!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: