Ultime notizie

E’ SUCCESSO A BENEVENTO, PAZIENTE ESEGUE PET A PAGAMENTO PRESSO CENTRO PRIVATO: L’ASL CONDANNATA A RISARCIRE LE SPESE

Buone notizie per il diritto alla Salute dei cittadini sanniti. Il Giudice di Pace di Benevento ha riconosciuto a una paziente oncologica, con sentenza n. 944/2018, depositata in cancelleria lo scorso 5 ottobre, il diritto al rimborso delle spese sostenute per un esame diagnostico di medicina nucleare con apparecchiatura Pet/Tac. La donna era stata costretta a effettuare l’indagine (vista l’impossibilità di eseguirla pubblicamente, e in tempi celeri, sul territorio di residenza, ndr) in un centro polidiagnostico privato accreditato, il GammacordSanniotac di Benevento.Il Centro Polidiagnostico, a sua volta, si era visto costretto ad applicare la tariffa, seppur in maniera ridotta, per aver raggiuto il tetto delle prestazioni eseguibili con  accreditamento del Servizio Sanitario Nazionale, riconosciutogli dalla Asl sannita, ai tempi della esecuzione da parte della paziente.L’Azienda Sanitaria Locale di Benevento, ha tentato di resistere alla richiesta di rimborso. E’ stata invece condannata al risarcimento, visto che la prestazione, per i malati oncologici, viene normalmente effettuata in regime di esenzione totale.La paziente, infatti, dopo l’iniziale diniego, non si è data per vinta. Ha chiamato in Giudizio l’Azienda Ospedaliera sostenendo che le ragioni di urgenza di una prestazione salvavita per la quale vige il regime di esenzione totale, presso strutture sia pubbliche che private, non possono essere eliminate da tetti di spesa regionali pena la violazione degli artt. 32 della Costituzione e 8 bis/1-2 d. Lgs n. 502/1999.Il Giudice di Pace, con la sentenza n. 944/2018, le ha dato ragione, ribadendo “il diritto primario e fondamentale alla Salute previsto e tutelato dalla Carta Costituzionale”. Ha così disposto il rimborso delle spese ospedaliere, anche non autorizzate, nei casi di pericolo di vita o di aggravamento della malattia o di non adeguata guarigione, evitabili soltanto con cure tempestive non ottenibili dalla struttura pubblica.

Che cos’è la PET?

La PET (Positron Emission Tomography) è una metodica di diagnostica per immagini che consente di individuare precocemente i tumori e di valutarne la dimensione e la localizzazione. L’esame si basa sulla somministrazione di radiofarmaci, caratterizzati dall’emissione di particelle chiamate positroni.  Le indagini di Medicina Nucleare, come la PET, prevedono la somministrazione di una piccola quantità di una sostanza radioattiva (radiofarmaco), al fine di indagare le caratteristiche funzionali degli organi e degli apparati nei quali il radiofarmaco si localizza. Dopo essere stato somministrato per via endovenosa, il radiofarmaco si distribuisce nel corpo del paziente permettendo di ottenere delle immagini diagnostiche, interpretate dai medici specialisti.

 

Informazioni su Redazione ()
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: