fbpx

LA LETTERA FORMALE

ASCOLTA L'ARTICOLO

Torna il consueto appuntamento con Grammaticamente, lo spazio dedicato alla lingua italiana.
L’argomento che affronteremo riguarda l’elaborazione di una lettera formale, la cui corretta stesura è fondamentale non solo per tanti lavoratori che si devono rivolgere a un destinatario con il quale non si ha un rapporto di confidenza, ma anche per i giovani studenti che si apprestano ad entrare nel mondo del lavoro o per semplici cittadini per richiedere determinate informazioni o per reclami.
La lettera formale non si rivolge soltanto ad un destinatario individuale (un fornitore, un cliente, ecc.); essa viene indirizzata anche ad un collettivo (una società, una ditta, ecc.).

Al giorno d’oggi, con la nascita di internet, non siamo più soliti inviare lettere ma email: anche in questo caso possiamo parlare di email formale, avente le medesime formule:
formule di apertura: Egregio, dott., Gentile dott. (per destinatari individuali), mentre  Spett.le (per destinatari collettivi, es. una ditta).
corpo della lettera: il motivo per cui si scrive. Da evidenziare l’uso di un linguaggio neutro e accurato, evitando naturalmente espressioni gergali. E’ buona norma usare pronomi di cortesia Lei e Voi per rivolgersi al destinatario( es. Le comunico, intendo comunicarVi, ecc.);
formula di congedo: in chiusura possiamo utilizzare espressioni come In attesa di un Vostro/Suo riscontro, Ringraziando per l’attenzione, porgo cordiali saluti.

A presto con un nuovo argomento!

 

 

About Valentina Monte (849 Articles)
Giornalista Pubblicista iscritta all' Ordine dei Giornalisti della Campania

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: