PIEDIMONTE MATESE, TRE PINI, LA FINALE DI COPPA ITALIA È GIÀ GARANZIA DELLA FASE NAZIONALE CON CHIETI

Redazione. Piedimonte Matese. L’incredibile finale di partita con Sesto Campano ha riportato serenità in tutto l’ambiente biancoverde. “Questo però non ci deve fare illudere che il più è fatto -dice Romagnini- perché la finale di Coppa Italia con Vairano non è per nulla scontata. È vero che loro giocano in Promozione ma hanno una squadra che sarebbe competitiva anche in Eccellenza. Non è un caso che hanno eliminato Guglionesi. Ritornando alla partita di ieri, devo fare i complimenti a tutti i miei ragazzi, soprattutto a chi è  sceso in campo in non perfette condizioni fisiche. Hanno lottato fino in fondo per centrare una qualificazione che alla fine del primo tempo sembrava impossibile. Su Di Matteo ho poco da dire, ha messo in campo tutta la sua tecnica e la sua personalità. Con lui abbiamo colmato il vuoto in attacco ma siamo ancora contati”. All’allenatore servono come il pane un centrale di difesa per poter spostare Riccio a destra e un centrocampista che faccia respirare Camorani. Oltre che per il prestigio, è importante per il Tre Pini  aver raggiunto la finale di Coppa Italia perché consentirà alla squadra di Piedimonte, anche nell’ ipotesi di una sconfitta con Vairano, di accedere alla fase finale della competizione, dove l’aspetta il Chieti. Questo perché, essendo il Comprensorio compagine di Promozione, cioe’ squadra di categoria inferiore, terminera il suo percorso con la finale di febbraio che dovrebbe disputarsi ad Isernia, indipendentemente se conquisterà o meno il trofeo. Infatti, siccome la Coppa è una delle strade per accedere alla serie D, Vairano dovrebbe fare il doppio salto di categoria, assolutamente vietato dai regolamenti. “Noi, comunque, a questo non ci pensiamo perché quest’anno vogliamo tornare a Piedimonte da vincitori della finale”. Romagnini ci crede, sperando che sotto l’albero la società gli porti dei rinforzi.

 

 

About Emiddio Bianchi (2618 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: