Ultime notizie

SANITA’, DA SESSA AURUNCA AL DECLASSATO PIEDIMONTE I QUOTIDIANI VIAGGI DELLA SPERANZA PER UNA BANALE RADIOGRAFIA. MA SESSA NON ERA STATO PROMOSSO DEA?

Piedimonte Matese. Ma l’ospedale di Sessa Aurunca non doveva essere DEA di primo livello nel prossimo Piano Ospedaliero e di conseguenza di un livello superiore, tanto per capirci, rispetto all’ospedale di Piedimonte Matese?  Le carte dicono di si perché la politica, o meglio qualche politico, decide a proprio piacimento e non secondo le esigenze del territorio. Ma su questo territorio, quello matesino, viene però a prendersi i voti per fare gli interessi dei altre aree. Probabilmente, alcuni cittadini, questo non lo hanno ancora capito.“Fa indignare noi tutti – ci scrive un ex dipendente della sanità che conosce le dinamiche politiche e sanitarie sul territorio –  sapere oltretutto che l’ospedale di Sessa Aurunca è stato promosso nel recente piano ospedaliero come DEA di I livello e  poi succede tutto questo ci lascia basiti.  Si dovrebbe capire –dice – perché  è stato così classificato quando è noto che presso il P.O. di Sessa Aurunca vi è una carenza evidente di medici, infermieri, ausiliari ed apparecchiature mediche come Tac e radiologia tradizionale.E dal mese di gennaio scorso che presso il P.O. di Piedimonte Matese c’è  un continuo flusso di pazienti provenienti da Sessa Aurunca, in cerca di prestazioni sanitarie , dove  non è più possibile eseguire semplici prestazioni come radiografie o visite ortopediche per una cronica carenza di personale sanitario presso i reparti di Radiologia ed Ortopedia soprattutto.Oggi, abbiamo potuto toccare con mano -spiega il nostro interlocutore che ci chiede il rispetto dell’anonimato –  quello che da tempo lamentano i pazienti e il personale. Infatti, oggi, l’ennesimo viaggio della speranza: l’ambulanza proveniente dal P.O. San Rocco di Sessa Aurunca è stata impegnata in un trasferimento presso l’ospedale di Piedimonte Matese per poter eseguire una radiografia e ritornare di nuovo all’ospedale di provenienza con notevole disagio per i poveri pazienti e notevole aggravio di spesa per semplici prestazioni diagnostiche. Allora io mi chiedo: ma l’ospedale di Piedimonte è diventato una “succursale” di Sessa Aurunca? Ma se Sessa aurunca sarà presto Dea di primo livello perché allora servirsi di un ospedale che  viene declassato dal nuovo piano ospedaliero?”

Consentiteci una nostra doverosa risposta all’importante domanda del nostro interlocutore. Bisogna correre subito ai ripari. Questo si può fare e subito perché è solo una questione politica. Le elezioni regionali sono alle porte. Ai matesini, sempre piu’ bistrattati nelle sedi del potere politico, quella del piano ospedaliero è l’ennesima conferma, diciamo di ricordarsi quando entreranno nel silenzio della cabina elettorale da chi è arrivato il tradimento e “scartarlo” e se possibile, votare chi il Matese lo conosce, al di  del colore politico, chi lo vive, chi la sera rientra e dormire da queste parti a chi sente suo questo  territorio, senza affidarci a chi invece viene da queste parti per “scroccare” voti per poi sparire, fingere una segreteria in zona e  fare facili promesse. Diversamente, continueremo ad assistere ancora per decenni all’azzeramento della sanità matesina e non solo e continueremo ad essere la periferia di Napoli e Caserta. Ora anche di Sessa Aurunca.

 

Informazioni su Lorenzo Applauso ()
Iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti, già direttore e fondatore della testata giornalistica italianews24.net e attualmente alla direzione di Casertasera.it. Collaboratore di numerose testate nazionali e locali.

4 Commenti su SANITA’, DA SESSA AURUNCA AL DECLASSATO PIEDIMONTE I QUOTIDIANI VIAGGI DELLA SPERANZA PER UNA BANALE RADIOGRAFIA. MA SESSA NON ERA STATO PROMOSSO DEA?

  1. questi stupidi giochi politici a danno dei cittadini,assistere immobili a tutto questo non è ammissibile

    Mi piace

  2. E dobbiamo ringraziare Oliviero x questo!!!!!!Si salvi ki puo

    Mi piace

  3. Dott.Pasquale Maria Morelli // 16 febbraio 2019 alle 20:42 // Rispondi

    Aggiungo a quanto giustamente detto, che il “declassato” e soprattutto a “rischio chiusura” Reparto di Ostetricia di Piedimonte è l’unico , ad erogare il servizio di ecografia morfologica e non solo accogliendo molte gestanti del PO di Sessa privo di tale servizio.

    Mi piace

  4. E’ proprio questa scellerata guerra campanilistica tra realtà locali tutte inadeguate alle esigenze dei cittadini, che costituisce la forza ricattatoria di una classe politica corrotta ed inefficiente. Non si comprende che solo un programmazione seria ed efficace basata su solide basi epidemiologiche, può garantire un futuro decente all’assistenza sanitaria in provincia di Caserta. La spartizione clientelare e campanilistica accontenta i pochi e scontenta i più. Chi ci amministra tiene esclusivamente all’appartenenza e non alla competenza, e dei poveri cittadini elettori non se ne frega più nessuno, ad eccezione delle promesse in campagna elettorale. Questo genera i “viaggi della speranza” con le innumerevoli fughe sanitarie verso realtà più serie e meglio amministrate che accolgono i cittadini campani come una fonte di finanziamento accessorio e sottrae risorse ai fondi sanitari della Campania.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: