FESTA DELLA DONNA E PER IL BUSINESS DELLE MIMOSE SCOPPIANO LE POLEMICHE

Piedimonte Matese/Alife. Si sono registrate code velenose per la festa della donna dell’8 marzo ma questa volta non c’entrano le donne ma qualcosa che ruota intorno al business della giornata. Ancora una volta, le Mimose o “Acacia dealbata” come direbbero quelli che parlano bene, al centro della polemica che è divampata ovunque senza evitare anche Piedimonte Matese. Sono stati molti quelli che in città, forse anche persone in trasferta, si sono avventurati, certamente senza autorizzazione, a vendere in strada o a ridosso dei semafori il classico rametto di mimosa, bello e confezionato, con tanta di busta trasparente. Questo, ovviamente, ha fatto andare su tutte le furie, giustamente, chi invece paga regolarmente le tasse, come i tanti negozi di fiori.  Invece c’era chi vendeva, in nero, i “rametti gialli”   a pochi passi da qualche negozio in modo quasi beffardo. Qualche provvedimento certamente va preso per il prossimo anno.

About Redazione (9871 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: