RIDOTTA IN APPELLO LA PENA AL 29ENNE DANIELE LEGGIERO DI ALIFE CHE UCCISE IL PADRE PER DIFENDERE LA MADRE.

Alife. Sei anni e quattro mesi è la pena decisa dai giudici della Corte d’Appello che hanno condannato Daniele Leggiero, di Alife che colpì mortalmente il padre Giuseppe per difendere la madre. La corte, ha concesso le attenuanti generiche e quelle della provocazione, oltre alla riduzione per la scelta del rito abbreviato, ma non hanno derubricato il delitto in preterintenzionale. Daniele Leggiero, 29 anni, di Alife, nel novembre del 2017, al culmine di una lite tra la madre e il padre Giuseppe, all’interno del loro caseificio, uccise quest’ultimo lanciando il coltello contro il padre proprio per difendere la mamma. L’avvocato Emanuele Sasso che difende il ragazzo ha cercato di convincere i giudici della involontarietà del ragazzo di uccidere .Altrimenti, secondo la ricostruzione del legale, il ragazzo non avrebbe lanciato il coltello che ha poi colpito e ucciso il padre ma avrebbe affondato uno o piu’ colpi .

 

About Redazione (7893 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: