Ultime notizie

SANITA’ MATESINA, ALTRE PROMESSE DAL DIRETTORE GENERALE ASL CASERTA. IL COMITATO CI SPERA

Piedimonte Matese/Caserta. Come già comunicato sui social nei giorni scorsi, il 17 gennaio, presso l’ASL di Caserta, si è tenuto un nuovo incontro dei delegati del Comitato civico art. 32 con il Direttore Generale dell’ASL di Caserta , Ferdinando Russo.La riunione, voluta ed organizzata  dal Consigliere regionale Zannini, al quale vanno i ringraziamenti del Comitato, ha consentito di  sottoporre al Responsabile della sanità casertana alcune problematiche di primaria importanza e di confrontarsi sullo stato di attuazione di quanto prospettato nel corso del primo incontro, tenutosi nel mese di settembre.In particolare, i temi posti in discussione si possono sintetizzare in tre punti:

– Questione classificazione dell’Ospedale di Piedimonte a seguito della conclusione del Commissariamento della sanità regionale;

– Disservizi nell’attuale organizzazione ospedaliera.

– Progressi della programmazione sanitaria rispetto a quanto prospettato nel precedente incontro;

In  premessa è stato ribadito che l’unico obiettivo del Comitato rimane il riconoscimento  a DEA di I livello, indispensabile classificazione per la futura valorizzazione del nostro ospedale e che qualsivoglia ulteriore  indicazione  relativa alla medicina territoriale, è da ritenersi, certamente necessaria al miglioramento  dell’offerta sanitaria dell’alto casertano, ma  complementare alla funzione del nostro polo ospedaliero.

“Nei mesi scorsi è stato detto e ribadito che l’uscita dal commissariamento sarebbe stata condizione imprescindibile per qualsivoglia decisione sul piano ospedaliero ed il Comitato ha atteso gli eventi.”

Durante l’incontro è stata consegnata al dott. Russo una lista di criticità del presidio ospedaliero  redatta a seguito di numerose segnalazioni di disservizi, dei quali si è venuti a conoscenza e che ostacolano il percorso verso il  formale riconoscimento di DEA.

“ Nei mesi scorsi è stata manifestata la volontà di  valorizzare ed integrare i servizi esistenti, si è atteso ma le continue segnalazioni di malfunzionamento della struttura ospedaliera hanno fatto dubitare che tale previsione sia fattibile”Il dott. Russo con la disponibilità, cortesia e competenza che lo contraddistinguono,  ha illustrato ai presenti tutta la programmazione sanitaria che intende attuare nell’area matesina e che, in parte, ritiene di aver già avviato. A tal proposito, ha anche informato  il Comitato dell’incontro dell’11 gennaio u.s con Cittadinanza Attiva ed altre  associazioni del territorio durante il quale ha “espresso interesse a realizzare un cammino comune  per programmare la riorganizzazione dei servizi per la salute nel territorio dell’alto casertano ed affrontare le criticità dei reparti di pediatria e ostetricia” dell’Ospedale di Piedimonte Matese. La previsione del  dott. Russo, si può sintetizzare nei seguenti punti:

– Attivazione di robotica medica nell’unità di ortopedia;

– Attivazione reparto di Urologia ed Uro-ginecologia;

– Attivazione di “centro” di ricerca per le malattie reumatiche e per le dipendenze;

– Attivazione di un polo di formazione per professionalità mediche con il coinvolgimento dell’Università Vanvitelli di Caserta;

– Realizzazione dell’Eliporto;

– Realizzazione delle AFT  e UCCP;

In sostanza, non si è appreso nulla di nuovo e di diverso rispetto a quanto già detto quattro mesi fa.

La previsione del dott. Russo,  al di là  della particolare attenzione per la medicina territoriale, che in questo momento è una priorità per tutta la sanità campana, a causa del notevole ritardo nell’attivazione dei servizi,  sembra un bellissimo libro dei sogni, non solo per i lunghi tempi di attuazione, ma anche per i contenuti che, se abbiamo ben compreso,  dovrebbero essere conformi alle previsioni del Piano Ospedaliero Regionale e rientrare  nei costi generali previsti dal medesimo piano. Le segnalazioni di criticità e disservizi che giungono da più parti, sia interne all’ospedale che dell’utenza,  dimostrano che la previsione di implementazione dei contenuti del nostro “contenitore ospedaliero”  e, quindi,   il miglioramento ed integrazione  dei servizi non appare, affatto, avviata e, anzi, sembra evidente  la tendenza all’abbandono, circostanza questa alquanto preoccupante  e che spinge a sollecitare con maggiore determinazione , l’intervento risolutivo da parte del Presidente De Luca, sul Piano Ospedaliero Regionale.

Informazioni su Redazione ()
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: