ALVIGNANO, UNA FESTA PER NONNO ANTONIO, SOPRAVVISSUTO AI CAMPI DI CONCENTRAMENTO

Giuseppe Terminiello| Alvignano. Festeggiamenti  nell  territorio Cubulterino  per nonno Antonio Morelli, sopravvissuto ai campi di concentramento che  compie 104 anni. Nel gennaio del 2014, riceve anche una medaglia al valor civile conferitagli dall’ex Presidente della Repubblica Napolitano. Antonio é conosciuto  come “il fabbricatore d’ali”, dall’omonimo libro a lui dedicato da Carmine Mastroianni e uscito nel 2015 che racconta del  giovane contadino di Alvignano, poi soldato durante la seconda guerra mondiale, e negli stessi anni prigioniero nei campi di concentramento nazisti di Dachau e poi Mathausen, da qui la possibilità di spostarsi a lavorare per il settore metallurgico a Stein, il luogo in cui assiste all’arrivo degli americani.

Sono gli anni della fame, del dolore, della tristezza, della rabbia e della solitudine, ancor più se cresce la consapevolezza che da casa potrebbero ormai darti per morto. Tante le persone care che insieme ad Antonio hanno voluto festeggiare i suoi 104 anni tra cui  l’amministratore comunale che gli ha consegnato un targa  ricordo con il primo cittadino Angelo Marcucci mentre la responsabile locale  del Patronato Coldiretti Maria Del Santo gli ha consegnato una pergamena. Presenti anche i parroci di Alvignano don Alessandro e don Francesco.

About Redazione (8888 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: