LE RUBRICHE DI PSICHIATRIA: IL DELIRIO DI GELOSIA ALCOLICO  

*Dott. Antonio Cantelmo. Il tema della gelosia è abbastanza frequente negli alcolisti cronici specie quando, per effetto della tossicità, cominciano ad avvertire segni di debolezza sessuale. In realtà la gelosia qualche volta è giustificata perché la moglie, maltrattata e stanca di una vita disordinata, può rivolgere le sue attenzioni verso un altro uomo. Ma nelle sindromi deliranti la gelosia, oltre ad essere ingiustificata, assume un carattere di assurdità. Il numero dei presunti amanti della moglie non si conta più e qualsiasi atteggiamento viene come una prova della tresca. Il delirio si instaura lentamente: il paziente nota determinate cose che gli fanno sospettare della fedeltà della coniuge (il volto acceso della moglie, al suo ritorno a casa, il letto ancora tiepido, alcune macchie sulle lenzuola, i genitali del consorte umidi e caldi, ecc,) e ben presto il sospetto si trasforma in certezza. I conoscenti, gli amici, i vicini di casa, a volte anche i parenti sono i rivali preferiti dalla moglie. L’alcolista lancia le sue accuse contro la consorte e le motiva con gli elementi di cui sopra; spesso diventa violento e può giungere alla soppressione della moglie (uxoricidio), di solito preterintenzionale (reato aggravato dall’evento). Delle volte il paziente si finge convinto dell’innocenza della consorte, ma con l’unico scopo di raccogliere nuove prove e di sorprenderla in condizioni inequivocabili. Questa forma delirante si standardizza e ha quindi scarsa tendenza alla progressione: vi sono quasi sempre allucinazioni acustiche ed illusioni ottiche. Il delirio è costantemente rivolto verso la moglie e i supposti rivali sono figure di secondo piano. La prognosi è quasi sempre imprevedibile. Hoff ( Illustre Professore olandese di chimica e fisica: Amsterdam 1852-1911) riferisce di un paziente che ricoverato per ben 10 anni non manifestava più idee di gelosia, ma il giorno stesso della sua dimissione si recò a casa e uccise la moglie.

*Dott. Antonio Cantelmo: Medico-Chirurgo, Specialista in Psicologia Clinica e Psichiatria, Dirigente Medico UOC Medicina Generale e Pronto Soccorso ASL Caserta – Pratella (CE) -330/659140 – antonio.cantelmo@libero.it.

About Redazione (7894 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: