SANT’ANGELO D’ALIFE, DIALIZZATO IMPOSSIBILITATO A RAGGIUNGERE L’OSPEDALE DI PIEDIMONTE. UNA LETTRICE CI SCRIVE


Redazione. Sant'Angelo d'Alife. In rempo di Coronavirus sono aumentati i disagi per coloro che in ospedale ci devono andare per altri gravi motivi. È il caso di un dializzato di Sant'Angelo d'Alife che per tre volte la settimana deve praticare la dialisi a Piedimonte Matese. Una sua conoscente ci ha scritto una accorata lettera, sperando che qualcuno prenda a cuore la sua situazione: "Le scrivo per evidenziare il disagio di un malato di Sant'Angelo d'Alife che è in dialisi all'ospedale di Piedimonte Matese. In questo periodo particolare per il Coronavirus, gli è praticamente impossibile  raggiungere l'ospedale perché nessuno gli può più dare un passaggio anche se ci sono persone che ogni mattina si recano a Piedimonte per lavoro, alcuni proprio nello stesso ospedale. Lui accede al reddito di cittadinanza e la moglie va a servizio nelle case per aiutare la famiglia, composta anche da 3 figli studenti. Fino a poco tempo fa prendeva il pullman delle sette per aggiungere l'ospedale, ma questo fermava ai Salesiani, costringendolo a fare un paio di chilometri a piedi, proprio perché nessuno gli poteva dare un passaggio. Un privato si è fatto avanti per accompagnarlo ma gli ha chiesto 20 euro ogni volta che per tre volte la settimana fanno sessanta euro. Viste le sue condizioni economiche non può certo sostenere la

spesa. Alcune volte io stessa l’ho accompagnato perché mi rendevo conto che lui non può assolutamente saltare la dialisi. Il dott. Coppola, responsabile del reparto di Emodialisi, mi risulta che ieri abbia telefonato al sindaco di Sant’Angelo per cercare di trovare una soluzione al problema, ricevendo la garanzia che si sarebbe trovata una soluzione, magari attraverso la Protezione Civile. Per non farla lunga, anche oggi ho dovuto provvedere io che fortunatamente ero disponibile, perché nessuno lo ha accompagnato. Mi risulta che la famiglia di questo mio conoscente abbia anche contattato le strutture di Caiazzo e Vairano, nel tentativo di trovare una soluzione. Anche qui, purtroppo, si sono trovati impossibilitati perché era necessario un pulmino con autista da pagare, cosa che la famiglia non si può permettere”. Il problema esiste ed è grande, non solo per il paziente in questione ma anche per coloro che sono nelle sue stesse condizioni. È importante che qualcuno intervenga al più presto.

 

 

 

About Emiddio Bianchi (3413 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

1 Comment on SANT’ANGELO D’ALIFE, DIALIZZATO IMPOSSIBILITATO A RAGGIUNGERE L’OSPEDALE DI PIEDIMONTE. UNA LETTRICE CI SCRIVE

  1. Francesco Paolo // 18 Aprile 2020 a 10:28 // Rispondi

    Capisco la situazione ma che io sappia la regione o la Asl da un contributo mensile proprio per le spese di trasporto ai dializzati comunque la situazione è critica per tutti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: