VIDEO|IL SINDACO DI CASTELLO DEL MATESE, NEL CASERTANO, SU TUTTE LE FURIE:” E’ ORA DI RIPRENDERE IL LAVORO. ECONOMIA IN GINOCCHIO”

(Guarda il video) C’è un comune, Castello del Matese, nell’alto casertano, 1600 abitanti, dove il coronavirus non si è visto. Almeno finora, zero contagi ma c’è anche la massima attenzione e il rispetto delle regole.  Ma c’è anche un sindaco, Antonio Montone, incavolato nero particolarmente sotto l’aspetto economico con il governo Conte e il Governatore della Campania per norme che ritiene  restrittive. Particolarmente, ritiene giusto riaprire le attività sia pure con il rispetto delle misure, per una economia che è per lui ormai morta.(Guarda il video).

Aggiornamento. Per questione di tempi non abbiamo mandato la parte finale dell’intervista telefonica del sindaco Montone di Castello del Matese  che ci siamo riservati di mandare domani nel corso di una nuova diretta telefonica il quale chiarirà il suo punto di vista. Questo ha generato qualche polemica nei riguardi del sindaco ma la “colpa” è solo nostra ed è legata ai tempi. In sintesi, il primo cittadino ha detto che non nega certamente ciò che sta avvenendo ma bisogna però evitare la psicosi da coronavirus che non farebbe bene a nessuno. Mentre, bisogna fare esattamente quello che il comune di Castello sta facendo. Massima attenzione e rispetto delle misure  imposte dal Governo e tornare a lavorare con tutti gli accorgimenti evitando altri danni alla già fragile economia .

 

About Redazione (7894 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

4 Comments on VIDEO|IL SINDACO DI CASTELLO DEL MATESE, NEL CASERTANO, SU TUTTE LE FURIE:” E’ ORA DI RIPRENDERE IL LAVORO. ECONOMIA IN GINOCCHIO”

  1. Dite al sindaco che aspettare un’altro po’ non cambierà l’economia

    • Rosario Brenca // 21 Aprile 2020 a 17:07 // Rispondi

      Si caro signor Sindaco mi rivolgo a voi xche non possiamo più x fortuna sempra che il corona virus non è più presente in notre zona io mi domando xche dobbiamo rimanere chiusi.? E ora che si incomincia a lavorare preciso una cosa importante se è vero che ci dobbiamo convivere almeno x circa due anni e allora si apre con precauzioni mascherine e guanti e essere con il cervello bene inserito che ognino di noi stessi esseri risponziabili e mantere la distanza e oblicatorio di guanti e macchine non possiamo più aspettare spero che questo. Messaggio viene letto da chi di dovere grazie e cordiali saluti

  2. Angelo Giuseppe Pagliaro // 21 Aprile 2020 a 12:55 // Rispondi

    Solo lui poteva pensare così

  3. Hanno tutti fretta…aspettare ancora un po’…no???

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: