TORRECUSO, UN MONTONE E UNA PECORA SBRANATI DA UN ANIMALE FEROCE, PER IL SINDACO È LA PANTERA NERA

Emiddio Bianchi. Torrecuso. Cresce l’apprensione nel territorio di Torrecuso e nella vicina valle telesina per via della pantera nera, evasa da qualche centro faunistico, che si aggirerebbe nella zona da qualche giorno e che alcuni avrebbero avvistato anche nei comuni di Ponte e Foglianise. I diversi avvistamenti che confemerebbero la presenza del pericoloso felino  avevano indotto il sindaco di Torrecuso, Angelino Iannella, a fare affiggere in paese un manifesto nel quale invitava la cittadinanza a segnalarne la presenza, oltre al ritrovamento di eventuali carcasse di animali. Ebbene, proprio il primo cittadino, nella serata di ieri ha postato sui social le foto di una pecora e di un montone, quest’ultimo addirittura all’interno di un recinto, evidentemente sbranati da un animale feroce, ma non divorati. Gli animali sono stati uccisi in località San Libero di Torrecuso e il sindaco non esclude che possa essere stata proprio la pantera nera. Se anche non fosse il temibile felino si è sicuramente di fronte ad un animale altrettanto pericoloso e Iannella sembra parecchio preoccupato in merito. A far scattare l’allarme è stato il proprietario degli animali. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i veterinari dell’ASL.

 

 

 

About Emiddio Bianchi (3410 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: