ADDIO A DANIELE FERRUCCI, L’AMICO DI TUTTI

Lorenzo Applauso|E‘ difficile scrivere in questa occasione di Daniele Ferrucci, il dottore Ferrucci, anche se amava poco i titoli. E’ difficile per due motivi: il primo è perché i messaggi che abbiamo letto ovunque, in queste ultime ore, erano tutti uguali, sembravano dei copia incolla e non vorremmo sembrare retorici.  Questo perché sono tutti messaggi veri che hanno tratteggiato perfettamente l’uomo ed il professionista nella sua interezza. Poi perché ero molto legato a lui.

Non sono stati pochi quelli che, grazie ai tanto criticati social, hanno capito e, fra questi ci sono anche io, quanto fosse forte la popolarità di Daniele. Lui per me era Daniele. Voglio chiamarlo e ricordarlo ancora così. Spesso mi incontrava e mi provocava giornalisticamente parlando: “Però, – mi diceva- potevi scrivere di questo o quel politico, evidentemente, non hai voluto, sono amici tuoi”. Io gli rispondevo: “Guarda che sei tu a non aver letto”. Lui sorrideva perché sapeva benissimo che non era così e se mi diceva questo era solo un modo per provocarmi, nel senso buono del termine.

Alla fine, tutto si concludeva con una risata. Lo ricordo come padre affettuoso e marito esemplare. La sua storia familiare aveva davvero le radici di una volta, quelle di un grande amore, quello che per una vita lo ha legato alla dott.ssa Gilda, alla quale va il mio abbraccio affettuoso in queste ore drammatiche perché percepisco il suo forte dolore, così come quello dei suoi splendidi figli.

Sotto l’aspetto professionale, lascia in me un ricordo altrettanto meraviglioso e non esagero. Io come lui, essendo stato un dipendente dell’ospedale, sono legatissimo alla città di Piedimonte per ciò che mi ha dato e lui da quando era al vertice della Direzione sanitaria, aveva dato molto.  Era diventato un punto fermo per tutti. Avevo sempre sperato che un giorno fosse lui ad avere l’incarico di Direttore sanitario perché era l’uomo che ci voleva: perché di Piedimonte, sempre reperibile e disponibile, attaccato alla struttura. Figure che all’ospedale di Piedimonte mancavano da tantissimi anni. Aveva coordinato con orgoglio e competenza i percorsi per pazienti affetti da Covid e di questo era orgogliosissimo. In questo periodo, la Direzione sanitaria era diventata la sua seconda casa. Infatti, nella realizzazione di un nostro servizio televisivo sul percorso-covid, da lui creato e curato, era stato lui a spiegarci passo passo la nuova struttura. La semplicità, la generosità, la sua profonda trasparenza e la sua onestà, ci rimarranno nel cuore perché Daniele era questo. A nome personale e di Casertasera, siamo vicini alla signora Gilda e alla sua famiglia. Addio Daniele, amico mio, amico di tutti.

About Lorenzo Applauso (2043 Articles)
Iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti, già direttore e fondatore della testata giornalistica italianews24.net e attualmente alla direzione di Casertasera.it. Collaboratore di numerose testate nazionali e locali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: