RUBRICHE – L’AMICIZIA FRA UOMO E DONNA ESISTE? LA SOCIOLOGA RISPONDE

Gentile Dott.ssa La mia è tra le più banali domande, Le chiedo, secondo lei, può esistere e coesistere l’ amicizia tra uomo e donna , soprattutto quelle nate grazie ai social ? Grazie Fedele ’94
——————————————
*ROBERTA MARRA|Gentile e giovane lettore, un vecchio detto ci invita a chiedere, sostenedo che il domandare sia un’azione “lecita”, per cui mai una domanda è da ritenersi banale per se stessi e soprattutto la curiosità va sempre assecondata. Spero di rappresentarle al meglio lo scenario variegato, di sfondo, che la sua domanda riserva; proprio perché non è banale ma anzi, è stato argomento di dibattiti, imput per scritture di film e ispirazione per testi di canzoni, risolvere questo dilemma, tipico della società contemporanea/moderna non risulta semplice, ancora. Partirei col dire innanzitutto che l’amicizia tra uomo e donna è cambiata, un tempo, vigeva ” La regola dell’amico” come conferma il testo di una nota degli anni ’90 che, appunto dice: “se sei amico di una donna non ci combinerai mai niente, mai. Non vorrai rovinare un così bel rapporto”. L’ effetto 2000, nuovo millennio, nuove regole che si sono trasformate in inglesismi come: “friendzone” un azione di maggiore libertà. Una zona ibrida, delle relazioni che considera l’amico in un’accezione più intima ma che ben si differenzia dall’amore . A ciò si aggiunge l’ascesa e la conquista sociale che la parità di genere concede alla donna; permettendole di lavorare fianco a fianco, gomito a gomito con il sesso opposto, realizzando così relazioni interpersonali a volte molto confidenziali tanto da coesistere e persistere nel tempo. Un quadro pittoresco e romantico che per alcuni studiosi è spiegabile con l’apparenza e immaturità da parte di chi non vuole riconoscere a se stesso il sentimento e pare sia più frequente nelle donne; mentre il maschio, suggeriscono, ha fatto emergere in più osservazioni ,di voler essere il primo a trasformare il legame in relazione. Da un punto di vista sociologico mi sento di riconoscere,anche nell’amicizia quella” fluidità” tipica della società moderna analizzata dal sociologico Bauman, infatti molti sostengono sia un punto di vista su cui investire. Quella fluidità, che è stata sinonimo di “superficialità e leggerezza” mutando la percezione ed il valore di importanti concetti,come quello di ” Amico”. Ovviamente è possibile che uomini e donne abbiano obiettivi e motivazioni diverse rispetto alla loro amicizia tanto da poter resistere e coesistere nel tempo, infondo oltre gli studi e le teorie, l’amore e l’amicizia restano sentimenti spontanei individuali. Certamente sì realizzerà una friendzone confusa; saranno poi, il rispetto e libertà i veri collanti e la morale individuale l’unica fonte di riferimento per la considerazione che ci si sente di dare. “L’incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche; se c’è una qualche reazione, entrambi ne vengono trasformati.” Uso questa massima di Jung per supportarmi nella tesi secondo cui; quando due personalità si incontrano ne resteranno trasformate; una profonda verità che sottolinea come da ogni incontro non si esce del tutto indenni; tutti, abbiamo incontrato nella vita, persone che ci hanno segnato. Pertanto l esistenza dell` amicizia tra uomo donna e la coesistenza è una questione di scelta individuale.
 *Dott.ssa Roberta Marra, laureata in Sociologia presso l’Università degli studi “G. D’Annunzio” Chieti-Pescara, con tesi di laurea in “ Diritto alla riservatezza e d’informazione: vizi e virtu’ della comunicazione giornalistica. Master di specializzazione in psicologia giuridica pedagogia con tesi dal titolo: “Lo stalking tra reato e patologia, ossessione e sentimento personalità e dinamiche socio relazionali”
About Redazione (8518 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: