CASERTA, CAOS QUOTIDIANO DAVANTI ALLA STAZIONE DI CASERTA, QUALCHE SOLUZIONE VA TROVATA

Caserta. E’ sempre piu’ caotico e quasi impossibile,  recarsi alla stazione ferroviaria di Caserta per aspettare e prelevare dal treno in arrivo un amico o un proprio parente. Poco prima  dell’arrivo dei convogli, (nella foto l’altro ieri sera), c’è di tutto: parcheggi  esauriti, a trovarne uno è un’impresa titanica , alcuni lasciano l’auto anche per diverso tempo, occupando i parcheggi, altri che aspettano  con le auto in moto perché costretti a spostarsi ogni tre secondi per chi esce, per chi arriva e cerca un parcheggio che non trova, per chi vuole infilarsi anche negli spazi piu  stretti ed impossibili. I pullman che potrebbero sostare tranquillamente un po’ piu’ distanti dalla stazione, non lo fanno. Gente che gira pericolosamente a piedi fra macchine in sosta e altre in movimento con grossi rischi. Tutto questo, a pochi metri da un incrocio pericoloso perche’ proprio di fronte alla stazione che non è un piazzale sbuca il traffico proveniente dal  sottopasso oltre alla normale strada  che passa davanti al piccolo “piazzale”. Non c’è mai un vigile che controlla il traffico. Tutto questo è semplicemente pazzesco. Pensate ad un anziano che cammina con difficoltà e deve recarsi dal treno alla macchina. Qualcuno potrebbe dire : ma c’è un parcheggio a pagamento qualche centinaia di  metri? Certo, ma non è possibile per pochi minuti pagare un parcheggio salato e soprattutto fare un tratto a piedi che fa anche bene ma non ad anziani e bambini o chi ha difficoltà a deambulare. E’ davvero un caos al quale una soluzione va trovata. A tutto questo, va aggiunto che di sera e di notte bisogna fare i conti con molte facce strane che si aggirano in zona,  alcune delle quali bivaccano nella stessa stazione, dove la Polfer fa quello che puo’. Qualcosa va fatto.

 

 

About Redazione (8545 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

1 Comment on CASERTA, CAOS QUOTIDIANO DAVANTI ALLA STAZIONE DI CASERTA, QUALCHE SOLUZIONE VA TROVATA

  1. Giovanni caracciolo // 23 Agosto 2020 a 15:39 // Rispondi

    Tutte le stazioni delle Città medio-grandi hanno la situazione di quella di Caserta. Nell’ ampio parcheggio sotterraneo potrebbero essere individuate delle aree per la sosta breve, possibilmente in prossimità dell’ ascensore( gratuite o con un minimo contributo). In Svizzera è prassi per incentivare l’ uso del treno la formula Park + Rail, ove col biglietto si ha diritto al parcheggio gratuito dell’ auto. Anche ottima potrebbe essere la soluzione adottata alla Funicolare di Montevergine, ove, al ritiro dell’ auto nel parcheggio antistante la stazione inferiore, introducendo nel parcometro il biglietto adoperato per la corsa si ha un enorme sconto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: