DARIO ABBATE SU MARCIANISE ZONA ROSSA: “IO NON CI STO”

Paola Bruno|Marcianise. Cosi’ il consigliere della neo opposizione a Marcianise, l’Avv  Dario Abbate, risponde alle domande come un  fiume in piena in merito alla questione zona rossa in città.

Politico dalle spalle robuste e, quasi sindaco al foto finisch contro l’uscente e riconfermato Velardi, esplode sulle recenti misure che costringono i cittadini di Marcianise ad un nuovo lockdown.  “Mortificante”- definisce Abbate – il provvedimento regionale per  un centro gia’ cosi’ penalizzato nel  recente passato, certo, la curva del contagio non e’ stata favorita dalla recente turnazione elettorale ma  bisognava che, almeno, in prima battuta, i flebili  segnali della neo amministrazione fossero stati  coerenti  con i ritmi imposti dalla pandemia  celebrare un elezione del presidente del consiglio o una conferenza dei  capogruppo per soli fini di assets politico,  anziche porre al centro problemi reali, non mi e’ sembrato  corretto”.

E ancora sul programma, Abbate precisa: “ Dare concretezza  agli aspetti vocazionali di Marcianise, coltivare  la  sua vocazione agricola di appartenenza, soprattutto nella zona est, con coltivazioni di settore come la canapa, poteva rappresentare un volano per tutta quella filiera di aziende oggi costrette a reinventarsi in totale solitudine, schiacciate  come sono attualmente, da tutta quella fascia ovest oggi destinata agli  investimenti finalizzati alla logistica industriale, per non parlare dell’interporto che dal 1996, nonostante  anche le note interferenze giudiziarie, e’ allo stallo. Fare politica oggi-  conclude-  per il Pd, da zingarettiano, significa  riprendere il rapporto con le sezioni,  ma la  politica deve spendersi in competenze quindi il sacrificio del semplice cittadino che intende spendersi  per  la collettività, deve essere accresciuto  da competenze tecniche che consentono  all’amministratore  pubblico di prendere  decisioni piu’ rapide ed efficaci. La scelta di una candidatura  non puo’ essere d’uso  o  essere  asseverate solo per meri  giochi numerici, il fallimento di cordate elettorali che hanno solo lo scopo di una vittoria numerica di consensi non ha piu  senso ( una evidente critica alla nuova giunta n.d.r. ) Ecco perche’, credo che, per esempio, la ricandidatura di Carlo Marino per la citta’ di Caserta, tanto per parlare di un prossimo  evento elettorale, abbia un senso”.

Ci salutiamo ma credo che ci risentiremo presto,  la politica di Abbate riservera’ a breve molte  sorprese!

 

About Redazione (9438 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: