MATESE-CASTELFIDARDO 1-3, PROSEGUE IL MOMENTO NO DELLA SQUADRA DI URBANO. REGA: “RISPETTERÒ IL MIO IMPEGNO FINO AL TERMINE DELLA STAGIONE”

Emiddio Bianchi. Piedimonte Matese. È un momento “no” per la squadra di Urbano. Il Matese deve ancora alzare bandiera bianca contro il Castelfidardo, una formazione bene organizzata e che ha meritato il 3-1 che alla fine si è portato a casa da un Ferrante ancora vuoto per via del covid. Dopo un inizio equilibrato, i marchigiani passano al 20esimo in mischia con il 18enne Braconi, con Bruno che nell’occasione non appare irreprensibile. Il clamoroso gol del pareggio che Negro si mangia qualche minuto dopo è il preludio al raddoppio ospite di Giampaolo con il portiere del Matese che confeziona la più clamorosa delle papere su un tiro telefonato dal limite. L’espulsione di Riccio a metà ripresa per doppia ammonizione potrebbe chiudere la contesa ma proprio in inferiorità numerica il Matese cerca di raddrizzare il risultato con una rete di Tommasone, entrato in campo da pochi minuti. Sembra crederci Urbano, anche con un uomo in meno, ma è ancora il baby Braconi, sempre dal limite, a confezionare il 3-1 finale. Il Matese è apparsa una formazione in calo rispetto alle prime giornate di campionato. A parte la prestazione negativa del portiere, il centrocampo privo di un uomo che ragiona, con Costantino più votato alla rissa che a costruire gioco, ha bisogno immediato di qualcuno che sappia smistare palloni giocabili per le punte, anche loro al di fuori dal gioco per tutta la partita. Qualche sparuto contestatore a fine partita a cui il presidente Rega ha risposto sulla sua pagina social: “Manterrò il mio impegno fino al termine del campionato. L’allenatore e i giocatori li ho scelti io e di questo mi assumo tutte le mie responsabilità, conoscendo il loro valore”. Dal salotto di casa, non avendo potuto assistere dal vivo alla partita, il direttore di casertasera.it, Lorenzo Applauso, ha detto la sua sulla sconfitta del Matese: ““Per impegni già presi e lontano di Piedimonte Matese ho visto la gara in streaming. Io credo che ora come non mai, la squadra vada aiutata evitando, in questo momento difficile, di spaccarsi. Non è il momento di fare polemiche e di attacchi a questo o quel giocatore. La squadra ha dalla sua parte un grande allenatore, il meglio sul panorama calcistico di questa categoria e sono certo che saprà come uscirne. Sapevamo benissimo che la serie D era campionato duro, poi senza pubblico tutto diventa piu’ difficile per i giocatori in campo e per le casse della società. Sul piano tecnico vorremmo vedere invece maggiore concentrazione da parte dei giocatore e piu’ attaccamento, almeno per il bel gioco è giusto aspettare ancora . Almeno la grinta e l’entusiasmo però devono essere quelle potenzialità in piu’ in questa avventura dove quasi nessun giocatore ha giocato insieme agli altri. Il calcio è un gioco di squadra ed è necessario ricompattarsi. Nei momenti difficili bisogna essere uniti. Iniziando dalla società che deve rimanere unita ma facendo anche sentire ai giocatori che è il momento di reagire”.

 

 

About Emiddio Bianchi (3332 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

1 Comment on MATESE-CASTELFIDARDO 1-3, PROSEGUE IL MOMENTO NO DELLA SQUADRA DI URBANO. REGA: “RISPETTERÒ IL MIO IMPEGNO FINO AL TERMINE DELLA STAGIONE”

  1. I giocatori collezionando troppe espulsioni. Da questo punto sono primi in classifica. Segno di scarsa professionalità.
    La salvezza è legata ad una probabile sospensione del campionato.La frase del presidente Rega, che promette di portare a termine il campionato suona in modo sinistro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: