VIDEO| LIBERI/MILANO, PROFESSORE E ALLIEVO DELLE MEDIE SI RITROVANO DOPO OLTRE 55 ANNI GRAZIE AI SOCIAL

Quando stima e ricordi prevalgono su tutto e in aiuto arrivano i social di cui tutti parlano in negativo: professore e allievo si rivedono dopo oltre 50 anni, prorpio grazie ad internet. Di Liberi l’ex allievo delle scuole medie; di Milano, dove ora risiede, il Maestro, non solo di scuola ma di Pittura, ormai famoso. L’allievo è il nostro direttore di Casertasera, Lorenzo Applauso e il suo  professore di educazione artistica invece è il Prof Mario Guarino, originario di Napoli ma ormai milanese di adozione.  Siamo   all’inizio degli anni 60. I due si era persi di vista, dopo la scuola, come avviene per tanti ma l’allievo invece portava sempre con se il ricordo di quell’insegnante giovane, bravissimo ma anche tanto severo .

”Tanti anni trascorrono fra timide ricerche, probabilmente non molto convinte- spiega Applauso –  perché avevo  poche  notizie per poter trovare il docente:  avevo solo nome e cognome che mai avevo dimenticato, quel Mario Guarino che mi era rimasto nella mente per me e poi scopro per molti altri allievi. Un ricordo profondo: lui era un po’ il nostro idolo perché piu’ vicino a noi in quanto giovanissimo, forse fra i piu’ giovani docenti d’Italia. Poi la svolta – racconta Applauso- grazie a social”.

  • Poi cosa succede?

“ All’ennesima ricerca-dice Applauso- trovo addirittura il suo numero di telefono ma non mi illudo. Ci provo, infatti, provo a telefonare e dall’altra parte del filo una voce con una inflessione che non era proprio del nord Italia.

Allora, per un attimo capisco di essere, forse, sulla strada giusta. Cosi mi presento e gli chiedo: professore ma lei è originario di Napoli, ha insegnato Educazione artistica a Pontelatone e Liberi negli anni sessanta, oppure ho sbagliato persona. Se cosi fosse, le chiedo scusa fin da ora?

La sua risposta fu: si, certo perché lei chi è?  Cerco di farglielo capire ma come avrebbe potuto ricordarsi di me fra le centinaia di ragazzi che in tanti anni aveva avuto.  Non nascondo la mia emozione perché capisco di averlo finalmente ritrovato. E’ lui, il professore Mario Guarino.

Ovviamente, di me non poteva ricordarsi ma ricorda certamente quegli anni e con grande piacere. Da li, lunghe telefonate fatte di ricordi nitidi e un po’ sbiaditi. Intanto, il Maestro Guarino è divenuto un grande artista anche se per noi lo è sempre stato. Oggi, espone le sue opere in tutto il mondo e ha una sua prestigiosa scuola a Milano dove vive con la sua famiglia da oltre 50 anni.

La nostra lunga telefonata sta per terminare con la promessa che prima o poi   troveremo il modo per incontrarci, magari a metà strada, a qualche suo evento. Aspettiamo l’occasione giusta che arriva subito. Prossima, una sua esposizione in Vaticano  alla mostra di arte contemporanea nel maestoso Palazzo della Cancelleria, nel cuore di Roma. Immediata la mia prenotazione in treno dove insieme a mia figlia, docente di lingua a Roma,  incontro, finalmente, dopo oltre mezzo secolo, il Professore Guarino, il mio Professore.

Il momento dell’incontro è stato per me un “frullato” di  tantissimi ricordi di quel periodo. Poi da giornalista, cerco di rimanere freddo, cerco di non farmi sopraffare dai ricordi per non lasciarmi sfuggire un’ intervista televisiva, per sapere di piu’ di lui, ma soprattutto dell’artista e che lui felice mi concede (Guarda il video).

Ora, la cosa che lascia davvero sconcertati è che di quel professore severo ma bravissimo, tutti si ricordano.

Tanti, infatti, sono gli allievi che dopo il mio incontro e il mio racconto, si ricordano di lui e chissà perché tutti ricordiamo poco degli altri docenti. Del prof Guarino,  uno dopo l’altro, tutti raccontano qualche “flash” di quel periodo e tutti vorrebbero incontrarlo, tanto, che è appena nato il “Fan Club Mario Guarino” sulla pagina facebook  e nei prossimi mesi non si esclude, covid permettendo, una rimpatriata fra il professore e i suoi “alunni” come ama definirci nel corso delle nostre lunghe chiacchierate.

Una bella storia, forse di altri tempi, quando certi valori erano sicuramente piu’ forti  e presenti di quelli che si vivono oggi. Del resto – conclude Lorenzo Applauso –  il professore lo ricordavamo tutti come un bravissimo docente ma anche molto severo, quella severità che forse tutti noi, con la maturità, alla fine, abbiamo apprezzato e per questo probabilmente lo abbiamo cercato e lo ricordiamo ancora con affetto e stima incondizionata”.

 

About Redazione (8913 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

1 Comment on VIDEO| LIBERI/MILANO, PROFESSORE E ALLIEVO DELLE MEDIE SI RITROVANO DOPO OLTRE 55 ANNI GRAZIE AI SOCIAL

  1. Franco Ragozzino // 21 Novembre 2020 a 18:01 // Rispondi

    E’ stato anche il mio professore anno scolastico 1969/70 a Pontelatone

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: