PIEDIMONTE MATESE, IL RICORDO DI DON ANTONIO, GUIDA PER I GIOVANI E CITTADINO ONORARIO

Emiddio Bianchi. Piedimonte Matese. È unanime il cordoglio della comunità di Piedimonte Matese, sia per coloro che vivono ancora da queste parti che per quelli in giro per il mondo, per la scomparsa, questa mattina all’alba, di don Antonio De Ciccio, per molti anni direttore dell’oratorio salesiano. Era nato 83 anni fa a Conca della Campania e a Piedimonte era diventato una istituzione, tanto che gli era stata conferita alcuni anni fa la cittadinanza onoraria dall’amministrazione comunale. Diverse generazioni di oratoriani hanno appreso da don Antonio le giuste direttive per la vita e da quando si è sparsa attraverso i social la notizia della sua morte, da ogni parte si stanno susseguendo i ricordi di quelli che furono i giovani che lui guidava con amore come oratoriani e cooperatori salesiani e che adesso si ritrovano ad essere affermati professionisti: Antonio Roseti da Amsterdam, Salvatore Francomacaro dagli Stati Uniti, il dott. Guglielmo Venditti, l’ex sindaco Di Lorenzo, solo per citarne alcuni. Tutti ricordano il suo fischietto, soprattutto quelli che amavano più il pallone che la preghiera, quando intorno alle cinque del pomeriggio interrompeva le attività ludiche dell’oratorio e riuniva i giovani per dire una buona parola, concludendo le serate con la solita invocazione: “Maria Ausilitrice prega per noi”. Piedimonte perde con don Antonio una figura carismatica. Di sicuro, nel rispetto delle norme di sicurezza, sarà ricordato in quella cappella dove molti piedimontesi hanno appreso i suoi insegnamenti.

 

 

 

 

About Emiddio Bianchi (3469 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: