APPROVATO IL RECOVERY PLAN MA PER LA SANITA’ SI E’ DOVUTI ARRIVARE ALLO SCONTRO

Il Recovery plan passa in Consiglio dei ministri questa notte. Non è bastata la pandemia in atto e che a sentire i virologi, se va bene, ne usciamo nel 2023, a svegliare il governo per riformare la sanità. Renzi, fra i suoi mille interessi personali ha fatto  aumentare la parte economica per la sanità arrivando cosi a 19,72  miliardi altrimenti… Ora, che Renzi bene farebbe a tornarsene a casa come avrebbe dovuto fare dopo aver promesso che se avesse perso il referendum avesse lasciato la politica, cosa non ancora avvenuta, va bene, ma sulla sanità, aveva  ragione. Quello che è ancora peggio è che per convincere il Governo,si è dovuto arrivare  allo scontro.   Pensate che la sanità  ha avuto la fetta piu’ piccola della torta del Recovery. Gran parte di questi soldi finiranno nelle tasche di tecnici e direttori dei lavori poi il resto servirà a costruire qualche muro. Chissà quanto davvero si riuscirà a fare e quanti lavori rimarranno cattedrali nel deserto.

LA SANITA’

Per la sanità è prevista l’Assistenza di prossimità e digitalizzazione. Sono i due snodi per i quali il governo mette in gioco 19,72 miliardi. La sanità – si legge nel piano – deve essere “vicina ai bisogni delle persone”, con strutture sul territorio e telemedicina. La novità è l’arrivo di 2.564 “case della Comunità”, che diventeranno il punto di riferimento sul territorio, anche per l’assistenza domiciliare integrata sulla quale si conta di realizzare 575 centrali di coordinamento, attivare 51.750 medici e fornire kit a 282mila pazienti. Non si parla di infermieri ma bisogna leggere nel dettaglio. Previsti anche 730 mini-ospedali entro il 2026 e l’ammodernamento del parco tecnologico ospedaliero con l’arrivo del Fascicolo Sanitario Elettronico.

 

 

About Lorenzo Applauso (2125 Articles)
Iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti, già direttore e fondatore della testata giornalistica italianews24.net e attualmente alla direzione di Casertasera.it. Collaboratore di numerose testate nazionali e locali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: