“SONO UNA MAMMA VOGLIO VERIFICARE GLI SPAZI” E TIRA FUORI IL METRO. LA PRESIDE: “ORA BASTA QUESTA E’ MANCANZA DI RISPETTO”

Piedimonte Matese. Si presenta al Liceo Scientifico di Piedimonte Matese e, dotata di metro, pretende di verificare le distanze fra i banchi, affermando di essere la mamma di uno studente. Quando non si ha più fiducia nelle istituzioni succede anche questo e una dirigente scolastica, che nella sua scuola, insieme ad un gruppo di docenti, lavora anche nei giorni festivi pur di farsi trovare pronta, alla fine viene attaccata, perché di un attacco si tratta, da chi vuole “proteggere” i figli a scuola ma magari li lascia liberi di agire in altri luoghi pericolosi, senza mascherine, vedi le “ammucchiate” di questi giorni in tutta la provincia.

Inutile sottolineare la profonda amarezza   della Preside De Girolamo  che ovviamente non ha fatto entrare la mamma anche per una questione igienico-sanitaria .

“Questo è il modo di esprimere la gratitudine verso chi in questa scuola (da sette anni abbandonata da chi aveva la responsabilità di metterla nelle migliori condizioni di efficienza strutturale) – ci butta letteralmente il sangue ogni giorno, insieme ai tanti docenti, pur di farla funzionare al massimo. Ora, arriva qualcuno –dice ancora amareggiata la dirigente scolastica- che della scuola non ha nessuna competenza e vorrebbe controllare noi e il nostro lavoro. Io che ho la piena responsabilità non mi sognerei mai di creami da sola dei problemi. Figuriamoci se non abbiamo messo a punto tutto ciò che riguarda la sicurezza, in perfetta sintonia con le norme anticovid, quindi che poi si presenti il “controllo” di una mamma mi sembra davvero troppo ed offensivo nei confronti della scuola.

La nostra organizzazione è curata in ogni dettaglio, i genitori su questo devono stare tranquilli ed essere fiduciosi. Per cui, non consentirò, da questo momento,  che persone, senza competenze, vengano da noi solo con l’obiettivo di attaccare ed infangare la   professionalità ed il lavoro di altri, anziché essere propositivi. Sono dirigente da una vita e ho maturato tutta l’esperienza necessaria per fare questo lavoro e non consentirò mai a questa mamma o ad altre, in questo modo, di sindacare sul nostro lavoro. Ora basta, questo non è tollerabile. Se oggi le cose nel nostro Paese non funzionano il problema è proprio questo: il mancato rispetto dei ruoli e la sfiducia verso le istituzioni”.

About Redazione (9441 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: