SOCIOLOGIA – LA DEMOCRAZIA SI IMPARA DA PICCOLI? UN LETTORE CI SCRIVE

Gentile Dott.ssa
Nelle ultime settimane abbiamo sentito parlare spesso di “ Democrazia” in riferimento alle vicende poliche .
Ma la democrazia secondo Lei può essere un esempio che si impara da piccoli attraverso l’educazione familiare ?

Grazie
Francesco @93

————————————————————

*ROBERTA MARRA|Gentile Francesco, smentisce i quanti considerano i giovani poco attenti a ciò ché gli accade intorno, complimenti per la riflessione.
In ambito sociale una delle condizioni necessarie per la democrazia, è il pluralismo.  Quindi si intende piu soggetti liberi di poter manifestare il proprio modo di pensare.Partendo da questo presupposto è importante, quindi, sottolineare che tale concetto nelle relazioni educative familiari ha significato modificare la qualità delle condotte in relazione all’evoluzione sociale. Il periodo storico di riferimento è quello contemporaneo; in cui la dinamica democratica tra i coniugi è la premessa e la condizione stessa che rende, la Famiglia, un sistema unitario di legami basati sulla reciprocità; finalizzati alla costruzione di un fondamentale equilibrio tra persone
” vincenti”; riferimento primo sia di esempio che di educazione.
Famiglia come sinonimo di “collettività” che abbraccia l’intero nucleo e le sue relazioni. Una cooperazione in cui il potere formale è di tutti i suoi componenti. Nel Novecento, un lento processo ha portato ad un importante passaggio, quello fondamentale per la ” democrazia familiare ” ossia: il concetto di “Patria Potesta’ ” muta in “Responsabilitá Genitoriale ”. Un evoluzione che ha preferito l’autorevolezza ossia, l’esercizio del potere dal basso prediligendo condotte educative più morbide e permissive “al padre padrone” autoritario.
Assistiamo, così, alla perdida di ” potere” tipica delle famiglie della societa remota, in cui i genitori e in particolare il “capo famiglia” era considerato baluardo di saggeza ed esperienza e al quale, per questi motivi erano dovute attenzioni e riverenze. Senza dubbio, un contesto chiuso ed emotivamente arido a causa del potere esercitato dall’ alto intorno al focolare domentico.
Nel contesto sociale “liquido” dell’era moderna, invece, intrapredere il cammino della democrazia familiare è stato semplice, ma certamente più difficile da percorrere. Nessun ruolo di supremazia all’interno del nucleo familiare, una mamma spesso in carriera, una donna che ha avuto il sul riscatto. Un padre alla pari, eternamente giovane e ideologicamente indipendente, al passo con l’evoluzione.
Segnali positivi di democrazia familiare ma dimentichiamo che la famiglia aldilà di ogni teoria e tempo è e resta il luogo nel quale l’identità della prole si apre alla costruzione dell’ area affettiva oltre ad essere esempio di vita da imitare all’esterno nelle interazioni individuali. Il concetto di famiglia muta e l’ agorà si sposta altrove nelle piattaforme web, sui social e/o messaggi whatsApp, una videochiamata da lavoro; sempre più raro ritrovarsi intorno al tavolo del focolare domestico. Abbiamo un genitore non sempre presente da poter adempiere pienamente e perfettamente al proprio ruolo e confuso con un amico; è una discontinuità oggettiva e non sempre punibile; nell’80% dei casi entrambi i genitori lavorano. Le priorità cambiano con le esigenze e la conconduzione democratica delle relazioni familiari in certi casi potrebbe comportare un allontanamento del rispetto dei ruoli. È bene scegliere l’autorevolezza il dialogo e raggiungere decisioni condivise piuttosto che l’ imposizione autoritaria. Prediligere condotte educative più morbide e permissive ma mai in assenza di regole e riferimenti; un conto sono gli amici ben altro sono i genitori.
La democrazia rende liberi ma gestirla è piuttosto faticoso se in essa non prevale il senso di responsabilità che va insegnato con l’ esempio.
” i figli sono lo specchio della famiglia ” .

*Dott.ssa Roberta Marra, laureata in Sociologia presso l’Università degli studi “G. D’Annunzio” Chieti-Pescara, con tesi di laurea in “ Diritto alla riservatezza e d’informazione: vizi e virtu’ della comunicazione giornalistica.  Master di specializzazione in psicologia giuridica pedagogia con tesi dal titolo: “Lo stalking tra reato e patologia, ossessione e sentimento personalità e dinamiche socio relazionali”.

 

About Redazione (9859 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: