ALIFE, IL DISAGIO DI TRE BAMBINI NEL PERIODO BELLICO RACCONTATO IN UN FILM DI SUCCESSO DI SOFIA CAPASSO

Emiddio Bianchi. Alife. A raccontare il dramma della popolazione nel periodo della seconda guerra mondiale nell’alto casertano ed in particolare nel Matese e nella piana alifana, ci ha pensato una giovane regista e attrice, Sofia Capasso, che in un cortometraggio interpretato da giovani attori del posto  ha ripercorso la vita, il disagio e soprattutto la fame che dovettero sopportare i protagonisti della guerra. Sono tre i bambini-attori che la regista ha voluto accanto per il suo documentario: Matteo Guarnieri nella parte del piccolo  Carlo, Raffaele Guarnieri che ha interpretato Antonio e Davide Funiciello, Salvatore. Una storia che ritrae i bombardamenti che Alife dovette sopportare, rigorosamente nel classico dialetto del luogo, nella quale tre fratelli dovevano sbarcare il lunario, rubando del cibo nelle campagne e facendo capire la loro fame e il disagio che c’era nel periodo bellico. Il lavoro della Capasso ha partecipato al festival di Ischia, ricevendo una menzione come vincitore dell’Hollywood first time filmmarkes e al Vertico filmfestival di Milano, premiato come migliore cinematografia, sceneggiatura e colonna sonora. Le riprese sono state girate nelle campagne di San Michele, ad Alife e a Piedimonte Matese, sulla collina di San Pasquale.

 

 

 

About Emiddio Bianchi (3603 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: