FC MATESE, RIPRENDE IL CAMPIONATO, DA TOLENTINO SERVONO PUNTI PER I PLAY OFF

Emiddio Bianchi. Piedimonte Matese. All’andata finì 3-0. Proprio con i marchigiani cominciò quella striscia di risultati utili consecutivi che consentì alla squadra di Urbano di trasformarsi da brutto anatroccolo in un meraviglioso cigno e di involarsi dalle acque torbide della classifica in una zona play off, allora una chimera, che adesso il Matese vuole ad ogni costo portare a casa, nonostante da più parti si cerchi di buttare acqua sul fuoco e di consolidare quell’obiettivo che a inizio stagione non andava al di là della salvezza. Sarà il Tolentino la tappa che rilancera’ la formazione del presidente Rega verso traguardi insperati, dopo la inopinata sconfitta col Pineto? Il massimo dirigente ci crede e di certo non si nasconde con affermazioni prudenziali, abituato com’è a successi e promozioni in serie. Urbano, invece, da buon conoscitore della categoria e condottiero di lunga data, consapevole che le insidie si nascondono dietro l’angolo e che sette partite da disputare prima della fine del campionato sono ancora lunghe, predica umiltà e concentrazione, soprattutto dopo il passo falso prima della lunga sosta. “Abbiamo ricaricato le batterie dopo il lungo percorso che ci ha portato nelle zone nobili della classifica e dobbiamo essere pronti ad affrontare queste ultime sette partite come se fossero altrettante finali. Poi tireremo le somme”. In cuor suo, però, Urbano ci crede nella possibilità di conseguire l’ennesimo, prestigioso risultato con una neo promossa che alla vigilia quasi nessuno considerava fra le pretendenti ai primi cinque posti. La trasferta di Tolentino sarà impegnativa e l’allenatore ne è consapevole, soprattutto per la loro delicata posizione in classifica, ai margini della zona play out. “Purtroppo ci mancheranno un paio di pedine fondamentali come Palombo e Setola”. I due sono ormai due insostituibili nel suo undici iniziale: il portiere, che dopo un inizio incerto si è dimostrato fra i migliori della categoria e il fluidificante di sinistra, un under che è cresciuto in maniera esponenziale. In porta giocherà Kuzmanovic, al ritorno in campo dopo molte panchine e a terzino di fascia si abbasserà nuovamente Langellotti, un polivalente che spesso ha fatto la differenza. Per il resto, il consueto dilemma degli under dovrebbe essere appannaggio di Masi, Adusa e Iannetta. In attacco, confermatissimi Abreu e Galesio. Dirigerà l’incontro il signor Matteo Morì di La Spezia.

 

 

 

About Emiddio Bianchi (3681 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: