SAN POTITO SANNITICO, RAGAZZO DEL CENTRO COMUNITARIO TRASFERITO IN UN’ALTRA CASA ALLOGGIO, RESTANO GRAVI I SUOI PROBLEMI

Redazione. San Potito Sannitico. Il ragazzo di sedici anni che nei giorni scorsi aveva manifestato, anche in maniera violenta, tutto il suo malessere in un centro comunitario di San Potito Sannitico, procurando non pochi grattacapi a operatori sanitari ed anche ai carabinieri, è stato provvisoriamente trasferito presso una comunità alloggio della provincia di Caserta. Carlo (il suo nome di fantasia), dopo un paio di giorni di relativa tranquillità ha avuto un’altra crisi e la Responsabile della sua nuova comunità, ha dovuto chiedere l’intervento del 118 per cui il minore è stato ricoverato in un reparto ospedaliero. Dopo le cure del caso, comunque, è nuovamente in dimissione perché si è tranquillizzato. Se la situazione non viene risolta dai suoi servizi del Lazio (il giovane proviene da Civitavecchia), provvedendo ad un progetto sul territorio, così come da volontà del ragazzo, Carlo  continuerà a manifestare la sua rabbia facendo del male principalmente a sé stesso. Relativamente alla mancanza in Campania di posti letto ospedalieri (reparti di NPI), per minori in questa delicata condizione psicopatologica, sufficienti a coprire il bisogno, temiamo che il minore, oltre a tanti altri nelle sue condizioni, rischi di rimanere in un limbo sanitario che avrà come risultato la cronicizzazione della malattia. Avrebbe bisogno di un ricovero temporaneo in una struttura ad alta intensità (adeguata e a misura di minori) che permetta una stabilizzazione comportamentale e una revisione del contratto terapeutico, basato però sul diretto coinvolgimento del ragazzo che deve poter scegliere e decidere per la propria vita. Intanto è importante sensibilizzare le istituzioni competenti affinché aprano gli occhi sull’importanza del problema.

 

 

 

About Emiddio Bianchi (3683 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: