PIEDIMONTE MATESE – BORRECA : “LA NOSTRA CAMPAGNA ELETTORALE FATTA PER STRADA, INCONTRANDO LE PERSONE”

Piedimonte Matese. “Una campagna elettorale atipica, con quella voglia di ripartire dalle cose semplici. Così mi sento di definire questo appuntamento”. Cosi parla Maria Borreca (nella foto), candidata sindaco con la lista “Adesso Piedimonte” al termine di questa campagna elettorale ormai agli sgoccioli ma lunga ed estenuante dove tante cose si sono dette, tantissime altre si potevano dire ma non sono mancate, come al solito  le difficoltà.“Il fatto che sia stato più difficile organizzare gli eventi pubblici per via delle norme anti-Covid- dice Maria Borreca –  ci ha confermato l’idea che un periodo del genere vada vissuto in strada, tra la gente. Così è stato. Per la città non ci sono richieste di grandi opere o stravolgimenti. Si bada alla normalizzazione dei servizi: acqua, corrente, trasporti, strade e internet, per citarne alcuni. Lo abbiamo detto più volte e più volte è arrivata la conferma”

  • Quali le positività di questo mese di porta a porta ad incontrare gli elettori?

“Tra i fatti positivi: molti confronti con le persone. Abbiamo ascoltato storie di vita, approfondito dati su diversi problemi e fermata in uno scatto a colori la città. Dovevamo farlo, per capire dove intervenire e le nostre intuizioni iniziali si sono rilevate corrette: conti pubblici e riorganizzare la macchina comunale.Poi, abbiamo tre candidati che coprono la fascia dei 20-30 anni. Appassionati di politica, studiosi di politica, ci hanno aperto la mente su alcune problematiche che sono irrisolte. Oltre a una sfilata di annunci a cadenza regolare, nessuna soluzione è stata mai messa sul tavolo. Parliamo di trasporti pubblici, scuola di alta formazione e progetti tesi alla formazione continua. I giovani imboccano una corsia preferenziale verso le grandi città, e l’estero, qui vedono soltanto manovalanza sottopagata, a nero, e sfruttamento. Pochi i casi di affermazione personale”.

  • Quali le negatività?

“Tra i fatti negativi c’è stato il rifiuto e il silenzio, di due liste antagoniste, per quanto riguarda la nostra proposta di un Patto per la città. Prima della campagna elettorale si sbandierava una collaborazione a più mani. Solo un candidato sindaco ha risposto alla nostra idea.Non ci agita il fatto che persone, candidate e non, continuino a essere satelliti del municipio in piazza Roma. Ci preoccupa il fatto che responsabili di una mancata programmazione a lungo termine, continuino a ribadire la loro purezza d’animo e grande capacità amministrativa. Se vinceranno, sarà interessante capire le risposte ad atti e fatti che loro stessi hanno prodotto. Riguardo a noi, non siamo supereroi o supertecnici. Siamo persone normali, con storie di vita e formazioni differenti. Abbiamo strutturato un programma, un progetto a lungo termine che sia un punto di riferimento per la città”.

  • La vostra lista è composta da due forze, quale il vostro messaggio agli elettori?

“Si, una lista, la nostra con una doppia anima: MoVimento 5 Stelle ed Europa Verde. Ci rivolgiamo ai lettori scontenti, a chi vuole provare un’alternativa diversa e a chi vuole mettersi in gioco direttamente, partecipando poi alle nostre attività. Questo è il messaggio che vogliamo mandare: un’alternativa di coraggio. Senza promesse gloriose. Si parla di astensionismo, di centinaia di voti mancanti perché non si crede più nella politica. Potrei sembrare noiosa, ma affermo con forza la necessità di fare uno sforzo, perché con un segno su una scheda, si onora un diritto acquisito dopo lunghe battaglie e si regala una nuova possibilità alla città, per troppo tempo silenziata dagli interessi personali”.

About Lorenzo Applauso (2240 Articles)
Iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti, già direttore e fondatore della testata giornalistica italianews24.net e attualmente alla direzione di Casertasera.it. Collaboratore di numerose testate nazionali e locali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: