ATTENTATO AL CONVENTO DIRETTO DA PADRE MICHELE SANTORO, FRANCESCANO DI PIEDIMONTE MATESE

Redazione. Mai nessuno si sarebbe aspettato che anche i frati francescani, quelli che fanno della povertà e dell’impegno verso il prossimo la loro missione di vita quotidiana, potessero restare vittime di attentati. Fra’ Michele Santoro, il francescano della borgata di Sepicciano di Piedimonte Matese che da anni, coadiuvato da alcuni confratelli e volontari, porta avanti la sua missione di vita nell’antico convento di San Pasquale, nel centro storico di Marcianise, più che essere rammaricato per gli ingenti danni subiti dal convento, è contento che nessun ospite della struttura, soprattutto le persone più deboli, senzatetto e che abitualmente consumano i pasti o dormono in convento, abbia riportato ferite. “La speranza – per i frati – è che anche chi ha pensato di attuare questo gesto criminale non si sia fatto male”. Tutto potevano immaginarsi gli umili monaci, tranne che qualcuno, magari spinto dall’odio razziale, visto che i frati si occupano principalmente di persone di diverse etnie, potesse pensare di dare fuoco al convento. La solidarietà verso fra’ Michele e i suoi confratelli è stata espressa da tutti quelli, istituzioni comprese, che hanno avuto modo di apprezzare quanto di buono hanno fatto e stanno facendo verso i più bisognosi.

About Emiddio Bianchi (3978 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: