RUBRICHE-“LA PAROLA DELLA DOMENICA” DI DON ANTONIO NACCA NELLA PRIMA GIORNATA DI AVVENTO

Don Antonio Nacca|Carissimi lettori,  come è bello, come dà gioia iniziare proprio nella Prima Domenica di Avvento, con questa nuova rubrica, un cammino dal punto di vista storico, religioso e spirituale della Liturgia della Parola che ogni domenica ci viene presentato. Il nostro intento è quello di partire dall’Alto Casertano per raggiungere quante più persone e portare loro la buona novella del Signore. Oggi per la Chiesa inizia l’Avvento che si caratterizza come un tempo da vivere sotto il segno della venuta del Signore. È infatti tempo di preparazione alla venuta storica del Figlio di Dio, ricordata nella Solennità del Natale, ma anche tempo propizio per farsi attenti alla venuta del Signore alla fine dei tempi. Si tratta di due venute reali, inscindibili, seppure dilatate nel tempo. Tra queste due si colloca il tempo della Chiesa da vivere nel migliore dei modi, tenendo presente l’importanza del Sinodo e cercando di mettere in pratica quanto lo Spirito Santo ci suggerisce per camminare dentro la realtà ed essere aperti a ciò che Dio vuole da noi.
L’allestimento della Corona dell’Avvento in Chiesa o nelle case potrebbe aiutarci a vivere questo periodo, con l’accensione della candela nelle quattro domeniche di Avvento. Una tradizione che forse negli ultimi anni è andata spegnendosi ma che richiama in modo visibile, il cammino spirituale in preparazione alla Solennità del Natale. Sarebbe bello che ogni sera, in Chiesa durante la Santa Messa o in casa al momento della cena si accendesse una candela (una candela la prima settimana, due candele la seconda settimana e così via). Sarebbe un bel modo per invocare la luce in questo periodo, purtroppo ancora così faticoso per via del covid, un momento per sentire la Luce di Gesù in Chiesa e in casa nostra. Questo semplice gesto ci può davvero aiutare a vivere l’Avvento come un tempo per credere all'”incarnazione”, credere cioè, che Gesù Cristo sempre è presente nel nostro tempo e nella nostra quotidianità. Oggi più che mai abbiamo bisogno di gesti che ci aiutino a mantenere la speranza. Possa la Beata Vergine Maria, il prototipo dell’umanità redenta, il frutto eccelso della venuta redentiva di Cristo, illuminarci in tutto questo.
Buona Prima Domenica di Avvento a tutti.

About Redazione (12763 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: