PIEDIMONTE MATESE, DEGRADO SU DEGRADO A SEPICCIANO, ANCHE LE OPERE DEL PARISI STANNO FACENDO UNA BRUTTA FINE

Emiddio Bianchi. Piedimonte Matese. Nei giorni scorsi avevamo parlato del degrado della piazza Alcide De Gasperi, nel borgo di Sepicciano, a Piedimonte Matese. La piazza, con il nome prestigioso di uno dei più importanti uomini politici italiani, è da anni dimenticata, da tutte le precedenti amministrazioni e, sembra, anche da quella recente. Purtroppo non fa bene alla popolosa frazione esistere in periferia, dove, nonostante il costante impegno delle persone che ci vivono, non arrivano le luminarie del Natale, un piccola cicatrice nell’asfalto diventa una voragine, non c’è un passaggio pedonale nonostante le auto che sfrecciano veloci e l’incuria regna sovrana. Anche lo stadio comunale affaccia sulla piazza. Ai tifosi delle squadre ospiti, provenienti da diverse regioni italiane, vengono proposti scenari di una incuria totale, con erbacce che crescono incontrollate che soltanto la buona volontà farebbe scomparire in due ore. Poco più su attaccate alle pareti del Ferrante, le meravigliose opere del Parisi, l’artista di Alife scomparso poco tempo fa, che nonostante l’aggressione del male riuscì a regalare a Piedimonte, in pochi mesi di duro lavoro, quei dipinti che purtroppo sembrano destinati anch’essi a fare una brutta fine. Fu da una intuizione di Franco Mattei, l’allora presidente del l’Oscar Club, una associazione socio-culturale di Sepicciano, che Parisi realizzò gratuitamente i murales che stanno via via andando in malora per un senso di menefreghismo totale incomprensibile. Quanto tempo ancora potranno ricordare ai piedimontesi ed in particolare ai “sepiccianari” le gesta dei loro beniamini dei tempi andati? Carapellese o Marcello Consales assistono impotenti da lassù.

About Emiddio Bianchi (4202 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: