RUBRICHE- DON ANTONIO CI AIUTA A RISCOPRIRE IL DONO DELLA CHIAMATA DEL SIGNORE

Carissimi lettori, la Parola della Domenica oggi ci invita a riscoprire il dono della chiamata del Signore, in relazione alla 44 esima Giornata per la vita, che oggi ricorre, col tema “Custodire ogni vita”. Riscopriamo questo dono, iniziando dalle nostre famiglie, con l’obbedienza alla Parola di Gesù. Perché è proprio questa obbedienza, che provoca la straordinaria pesca, al punto di riempire le due barche. Anche il nostro mondo, quello di oggi, segnato da acque profonde ha bisogno di queste barche e di pescatori obbedienti al Vangelo. Il nostro mondo ha bisogno di noi che da evangelizzati dalla Parola di Gesù, diventiamo evangelizzatori, ritrovando la fede di Pietro. Non è questione di sentirsi puri e senza macchia. Pietro non era certo immune dal peccato, anzi il Vangelo ce lo mostra non poche volte debole e traditore. Ma Pietro sa inginocchiarsi. Quest’uomo che il Vangelo ci mostra prostrato in ginocchio, davanti a Gesù, e’ l’ immagine del vero credente, esempio per tutti noi. Pietro riconosce in Gesù il vero Signore della sua vita. Per questo si prostra ed esclama:”Allontanati da me che sono peccatore”. È una preghiera vera, questa di Pietro, ma Dio non l’ascolta. Dio infatti non si allontana dal peccatore, al contrario si avvicina. Non è venuto per circondarsi di giusti, ma va in cerca dei malati e dei peccatori. E comunque, quella di Pietro e’ una preghiera vera ed esprime la verità di noi stessi di fronte a Dio. Già il profeta Isaia,aveva indicato quest’ atteggiamento dell’uomo religioso dicendo:” Io vidi il Signore seduto sul trono alto ed elevato e dissi “sono perduto ” perché un uomo dalle labbra impure sono io. Nel nostro mondo, in cui gli uomini si sono creati numerosi troni di fronte ai quali si inginocchiano ma talora sacrificano persino la loro vita, è necessario recuperare l’altezza, la profondità e l’umiltà di Dio. Sballottati come siamo nelle acque profonde di questo mondo, abbiamo tutti bisogno di ritrovare la fede di Pietro che ci fa mettere in ginocchio davanti a Gesù e soltanto davanti a Lui. Una fede e un amore che ci fanno essere solidali con i bisognosi nella carità, in modo particolare con gli ammalati e tutti coloro che spendono la loro vita a questo servizio. A noi, poveri uomini e donne, dalle labbra impure, ma prostrati davanti a Dio, oggi ci viene detto, come a Pietro quel giorno : “Non temete, d’ora innanzi sarete pescatori di uomini.” Questo nuovo inizio di Pietro, che è pure di chiunque si mette vicino a Lui, è il vero miracolo che il mondo attende. Iniziando dall’Alto Casertano, ci auguriamo che anche questo messaggio, come tutti quelli che ogni domenica vi giungono, possa trovare cuori disposti ad accoglierlo e a divulgarlo. Oggi la Chiesa celebra la giornata della vita col tema “Custodire ogni vita”. In questo tema viene affrontato il dramma di questo momento storico, a causa della pandemia, in cui molte famiglie subiscono gli effetti disumanizzanti della crisi economica. Basti pensare alla disoccupazione in forte aumento, genitori umiliati dall’impossibilità di provvedere ad alcuni beni per i loro figli, giovani costretti a fidanzamenti lunghi e impossibilitati ad iniziare la vita sponsale. Eppure in questa crisi, la Chiesa, fedele al messaggio di Gesù, si impegna per lo sviluppo umano integrale, che richiede anche il superamento dell’indigenza e del bisogno, perché come vediamo la vera crisi è arricchirsi con la povertà, crescendo nelle relazioni umane, scoprendo che la vita si gusta nell’ essenziale e non nel superfluo, che anche i bambini possono educarsi, insieme agli adulti, alla sobrietà e al risparmio delle risorse. Proprio il momento che attraversiamo, afferma Papa Francesco, ci spinge ad essere più solidali con quelli che ne hanno bisogno e ci impegna a manifestare concretamente aiuto e vicinanza. E con queste parole vi auguro una Buona e Santa Domenica! Don Antonio Nacca

About Redazione (12763 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: