PIEDIMONTE MATESE, UN  INCONTRO FRA IL LICEO E L’UNIVERSITA’ VANVITELLI PER STILARE UN PROTOCOLLO D’INTESA

PIEDIMONTE MATESE. Il Comune di Piedimonte Matese e il Dipartimento di Architettura e Disegno industriale dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli,  hanno stilato nei giorni scorsi un Protocollo di intesa per una cooperazione istituzionale nell’ambito della qualità dell’architettura, del design, della città e del territorio.

Tale importantissimo progetto, è stato ideato e messo in atto per sostenere e integrare la formazione scolastica e accademica con l’esperienza professionale e per impegnare gli studenti e i neolaureati, presso il Dipartimento di Architettura e di Disegno industriale, su ricerche e sperimentazioni progettuali volte a coadiuvare l’ente comunale nelle attività di accoglienza e integrazione, in particolar modo scolastica, vista l’attuale situazione emergenziale.

Fondamentale, per la realizzazione del progetto, è stato l’impegno convinto e generoso del Vicesindaco, prof.ssa Bernarda De Girolamo e dell’assessore alla cultura e all’istruzione, dott.ssa Loredana Cerrone: entrambe hanno dato un contributo concreto, portando il progetto all’attenzione dell’amministrazione comunale e mettendo a disposizione il proprio tempo e i locali del Liceo Galilei, per gli incontri con la comunità ucraina presente sul territorio, ottemperando perfettamente agli impegni presi con la comunità piedimontese, in particolar modo a quello riguardante la lotta alla dispersione scolastica e l’affermazione del diritto allo studio.

Infatti, lunedì 16 maggio, si è tenuto, presso i laboratori artistici del Liceo Galilei, il primo incontro tra le famiglie ucraine con bambini da poco iscritti nelle scuole piedimontesi e alcuni studenti della facoltà di Disegno industriale, accompagnati dalla prof.ssa Maria Dolores Morelli, presidente del Corso di laurea in Design e Comunicazione dell’Università Vanvitelli.  L’università ha così incontrato la popolazione, quella parte di popolazione più fragile e innocente che sta vivendo un momento particolarmente difficile e che necessita dell’impegno di tutti per integrarsi e crescere. I bambini sono stati impegnati in laboratori creativi, grazie ai quali hanno potuto esprimere i propri sentimenti ed emozioni, che difficilmente riescono ad esternare quotidianamente, visto anche l’ostacolo linguistico. In futuro ci saranno altri incontri, grazie ai quali i giovani designer potranno mettere a disposizione le proprie competenze per migliorare la qualità della vita di queste famiglie.

Tuttavia questo è solo uno dei progetti che si possono mettere in atto dopo la firma del Protocollo suddetto: la città di Piedimonte potrà infatti fruire delle competenze e della professionalità dei giovani architetti e designer in tutti i vari campi di applicazione e i giovani neodiplomati piedimontesi, volendo, potranno iscriversi ad una facoltà che impegna i propri studenti in progetti concreti nel proprio Comune di residenza.

About Redazione (12971 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: