fbpx

GIOVANNI FALCONE E FRANCESCA MORVILLO RICORDATI AL LICEO “GALILEO GALILEI” DI PIEDIMONTE MATESE

ASCOLTA L'ARTICOLO

Piedimonte Matese. “Capaci di reagire”, è questo il titolo dato all’incontro , tenutosi presso il liceo Galileo Galilei di Piedimonte Matese. Incontro che ha voluto ricordare la figura dei giudici Giovanni Falcone e Francesca Morvillo e della loro scorta, uccisi esattamente trent’anni fa dalla mafia nella Strage di Capaci.
Ospiti dell’incontro sono stati il dott. Emiliano Pepe, la professoressa Giovanna Del Vecchio, entrambi membri del Comitato Scuola, Istruzione, Creatività urbana dell’Amministrazione comunale di Piedimonte , Simmaco Perillo, assistente sociale e presidente della Cooperativa Agricola “Al di là dei sogni” di Sessa Aurunca, Manuel Lombardi, presidente della Coldiretti della provincia di Caserta, e l’Assessore alla Cultura del comune di Piedimonte Matese la dottoressa Loredana Cerrone.
Un incontro bello, intenso, meditativo che ha visto partecipare non solo gli allievi del liceo ma anche alunni degli altri istituti superiori della città. Dopo il cordiale benvenuto della DS Bernarda De Girolamo gli ospiti hanno discusso delle ragioni storico-politiche e sociali della nascita del fenomeno mafioso, del sacrificio degli uomini dello Stato, con un focus particolare sulle figure di Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino. Molto partecipato e seguito è stato l’intervento del dott. Simmaco Perillo che ha narrato dei collegamenti di Cosa Nostra con la camorra campana e della propria battaglia quotidiana portata avanti nel gestire un bene confiscato alla camorra, oltre che al recupero e al reinserimento sociale degli ex detenuti. Manuel Lombardi, invece, ha voluto ricordare l’importanza di ripartire dall’agricoltura, per recuperare valori e tradizioni del mondo rurale.
La mafia, la camorra, sono nate proprio nei campi agrari, dal latifondismo siciliano alla mezzadria campana; lo si evince in modo chiaro anche nella cinematografia, nei film ” Il Padrino Atto II” di Francis Ford Coppola e “Il Camorrista” di Giuseppe Tornatore. Ha concluso l’incontro l”Assessore Cerrone con un accorato appello alle giovani generazioni, sottolineando la necessità e l’importanza di commemorare gli anniversari per non disperdere e dimenticare il sacrificio dei tanti uomini e donne di Stato, che hanno perso la vita a difesa delle Istituzioni democratiche.

About Redazione (14109 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: