fbpx

SAN LEUCIO, CHE FINE HANNO FATTO LE PROMESSE PER LA VALORIZZAZIONE DEL SITO BORBONICO?

ASCOLTA L'ARTICOLO

Annibale Bologna. Caserta. Anni ’90 del secolo scorso: con i fondi stanziati dalla Comunita’ Europea viene completato il restauro della struttura monumentale del  Belvedere di San Leucio.Da allora sono trascorsi oltre trenta  anni e quella che si prospettava, per il Sito borbonico, come l’inizio di  nuova vita sia sotto l’aspetto economico che sociale ha assunto,nel corso del tempo ed, in particolare, negli ultimi anni,  le chiare fattezze di una promessa mancata, o meglio, di un progetto culturale rinnegato.In base ai risultati (non) conseguiti l’Ente comunale, a cui spettava e spetta il compito di agire per rendere fruibile, in modo dignitoso, il complesso monumentale e  tutto quanto   in esso vive, ha fallito, ed in pieno, la propria missione.

Da solo parla lo stato a dir poco indecoroso  in cui versa l’intera struttura bisognosa di interventi di urgentissima manutenzione che, se ancora differiti, risulteranno perfettamente inutili attesi i danni intanto venutisi a determinare.Purtroppo la situazione di indecoroso abbandono non caratterizza solo quello che un tempo era giustamente definito Belvedere  ma anche gli  angoli storici del Borgo Reale.

In merito il Presidente della locale Pro Loco, Domenico Villano, e’ chiaro  e, senza mezzi termini,evidenzia lo stato di abbandono in cui versa Piazza della Seta ed, in particolare, tutta l’area prospiciente la  monumentale fontana  ivi edificata,un tempo meta di turisti in cerca di angoli da immortalare con foto meritevoli di essere portate come un vero dono, per  sempre, nei cuori di ognuno.Evidenzia Domenico Villano che, sin dal Luglio scorso, in modo  sempre piu’ marcato si e’ formato un ampio “cratere” che solo dopo innumerevoli segnalazioni fatte anche da numerosi comuni cittadini,  e’ stato posto in sicurezza attraverso il posizionamento di nastro stradale ed una rete di metallo : da allora, nulla piu’. Tutto tace. O meglio tutto e’ immobile essendo del tutto assenti interventi di ripristino dello stato  dei luoghi. Intanto nell’area interessata e’ scomparsa la panchina ivi presente che ha lasciato il posto ad allegri ratti e  volanti zanzare richiamate dalle pozze  d’acqua stagnante intanto formatesi.

Sull’argomento interviene anche il consigliere d’opposizione Avv. Pasquale Napoletano che evidenzia come l’Ammistrazione comunale abbia deciso di promuovere il “Tour della San Leucio Sotterranea” sfruttando il  gratuito stato    del sottosuolo . Evidenzia, inoltre, come  l’Amministrazione   non abbia dato alcuna risposta alle sue interrogazioni indirizzate al Presidente, al Sindaco ed all’Assessore competente per materia.

L’avvocato Napoletano evidenzia come, negli ultimi tempi,  sia diventato il collettore delle bestemmie, dei rimproveri e delle doglianze del Cittadino comune residente nel Borgo ma, ovviamente, per la sua funzione istituzionale  nulla puo’, dal punto di vista decisionale ed operativo, rispetto ad inascoltati inviti, da lui  rivolti a chi di dovere, affinche’ si intervenga per ristabilire un minimo di dignita’ al violato sito Unesco.

Alla luce di quanto asserito anche dagli intervistati  ed in assenza di idoneii  interventi, a chi  scrive  non resta altro che affidare, con forza, nelle  sole mani del Soprannaturale non solo il futuro ma anche  e soprattutto il presente di quello che un tempo venva definito “Borgo Reale” oggi piu’ che mai divenuto  spettro di se stesso.

About Redazione (13602 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: