fbpx

VIDEO| I CORNUTI IN CORTEO A RUVIANO, UN SUCCESSO!

ASCOLTA L'ARTICOLO

Giuseppe Terminiello|Ruviano. Si e appena conclusa l’ attesissima “Festa dei Cornuti” di Ruviano in provincia di Caserta che per le restrizioni pandemiche e stata sospesa per alcuni anni. Festa che ricorre 11 Novembre, nel giorno di San Martino protettore delle “povere vittime di adulterio”. E’ una ricorrenza che coincide con il  periodo della vendemmia, in cui già in età pagana si sollevava festeggiare per ringraziare le divinità per il buon raccolto della terra. Come per tante altre feste, c’è un connubio tra sacro e profano. I  cornuti animandosi di corna hanno dato vita alla consueta  processione che con canti e balli girando tra i vicoli caratteristici del comune. Riportiamo alcune strofe dell’inno dei Cornuti: “Quann ven San Martin nuj facimm stu casin, di curnut Iss è ‘o patron, gloria, onore e devozion. Nuj pa via cantamm allerament, chi nun ven è nu fetent, se cred ca nun ten nient, invece ten nu caric pendent”.

LA STORIA: Fu negli anni ’70, che un gruppo di ragazzi, amanti delle antiche tradizioni, storico – culturale del proprio paese decisero di onorare il Santo come facevano i loro nonni e bisnonni. La leggenda narra che una sera, dopo una cena a base di carne di montone, animale dotato di un gran paio di corna, i giovani Ruvianesi decisero di sfilare per le strade deserte del paese, sfidando il giudizio della gente, con copricapo dotato di vistose protuberanze, a mo’ di corna. Lo storico romano Sulpicio Severo, nel suo “Vita di Martino”, riporta l’episodio di un soldato romano tradito dalla moglie e convinto proprio da San Martino a perdonarla e a tornare da lei.

About Redazione (14133 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: