fbpx

RUBRICHE-LA FESTA DEL BATTESIMO DEL SIGNORE SPIEGATA DA DON ANTONIO

ASCOLTA L'ARTICOLO

Carissimi lettori, oggi celebriamo la Festa del Battesimo del Signore. Nel brano evangelico di oggi Gesù è divenuto adulto, è giunta per Lui l’ora di mostrarsi al mondo come servo, come portatore della giustizia, come maestro e come Luce delle nazioni. Giovanni Battista, gli prepara la via con la predicazione e con la testimonianza coraggiosa, umile e chiara. Egli è la voce che grida nel deserto:” Preparate la via al Signore”. Ma una voce più alta della sua, ora si fa sentire, è la voce del Padre che dice: ” Tu sei il mio Figlio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto, mentre lo Spirito Santo in forma corporea, sotto forma di colomba scende su Gesù, mentre sta in preghiera, dopo aver ricevuto il Battesimo. Rendiamo gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Al Padre che ci ha mandato come Salvatore il suo prediletto, al Figlio che passerà beneficando, sanando e consolando e allo Spirito Santo, che scenderà su quanti saranno battezzati. E noi abbiamo ricevuto lo Spirito Santo nel Battesimo e nella Cresima. Nel Battesimo mediante il quale, abbiamo incominciato a far parte della famiglia, che è la Chiesa, divenendo figli di Dio e fratelli di Gesù Cristo. Nella Cresima mediante la quale abbiamo confermato le promesse e le rinunce al peccato, per vivere da veri cristiani. Ma se non prendiamo coscienza di questo, se non sentiamo e non operiamo con un senso di solidarietà verso i fratelli e le sorelle, rallegrandoci con quelli che sono nella gioia e piangendo con quelli che sono nel pianto e soffrendo con chi soffre, come possiamo ritenerci veri cristiani? Eppure Gesù non è venuto per essere servito ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti. È passato in questo mondo facendo del bene a molti, nella bontà e nella mitezza, senza gridare né alzare il tono, senza spezzare uno stoppino dalla fiamma smorta. E ciononostante alzerà la voce in difesa degli oppressi contro i potenti che pensavano di coprire ipocritamente con l’osservanza religiosa, l’ingiustizia e la sete del potere. Per quanto riguarda il Battesimo di Giovanni, è da tenere presente che presso gli Ebrei esisteva già questo rito religioso dell’ immersione nell’ acqua, mediante la quale si acquistava una purificazione legale, speciale e completa. I profeti usavano il Battesimo come simbolo di purificazione morale, di pentimento e di cambiamento di vita e come simbolo dell’ impegno di servire il Signore. Il Battesimo di Giovanni Battista è come un perfezionamento di quest’ultimo. Perché agli elementi ricordati, aggiunge una caratteristica messianica: e’ in vista dell’ imminente venuta del Messia. Giovanni Battista presenta nella pagina del Vangelo, il suo Battesimo di acqua in attesa del Battesimo di Gesù che è un Battesimo in Spirito Santo e fuoco. Per quanto riguarda il Battesimo ricevuto da Gesù, è necessario porsi questa domanda:” Perché Gesù ha voluto ricevere il battesimo?”. E la risposta che possiamo dare a questa domanda, la troviamo in questa affermazione:” Gesù ha voluto ricevere il Battesimo per farsi solidale con gli uomini”. Per prendere su di sé i peccati del mondo e perché attraverso questo battesimo, appare a noi chiara la missione di Gesù, una missione divina. Buona e Santa Festa del Battesimo di Gesù! Don Antonio Nacca

About Redazione (14509 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: