Ultime notizie

TRASPORTI PUBBLICI DEL MATESE, PULMANN PER IL MOLISE SENZA ARIA CONDIZIONATA. UNA LETTRICE IMBESTIALITA CI SCRIVE

Redazione. “È  mai possibile che dopo una giornata di lavoro dobbiamo tornare a casa, con questo caldo infernale, con un pulmann senza aria condizionata?”. Una lettrice di Gallo Matese, a dir poco imbestialita, ci ha raccontato della disavventura nella quale sono incappati una decina di pendolari diretti da Piedimonte Matese ai confini col Molise, vale a dire i comuni di Letino, Gallo e Capriati. “Fortunatamente, di questo periodo, il pulmann non trasporta i ragazzi delle scuole, altrimenti saremmo stati costretti a scendere perché non si poteva neanche respirare. Abbiamo chiesto all’autista del perché  del problema e lui, poverino, ci ha candidamente risposto che l’aria condizionata non funzionava e che anche lui era nelle nostre stesse condizioni. Ci è  sembrato di andare all’inferno, un viaggio allucinante che per fortuna e’ durato poco più  di un’ora. Il conducente e’ stato costretto a fare delle fermate straordinarie nei pressi dei bar per farci rifornire di acqua.” La cosa, fortunatamente, non è  passata inosservata e, per onore della verità, il pulmann che portava agli inferi questa mattina è  stato sostituito, sperando che abbiano visionato la funzionalità  del condizionatore.

Informazioni su Emiddio Bianchi ()
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: