Ultime notizie

VIDEO|PIEDIMONTE M., SUCCESSO ALL’INDUSTRIALE IN OCCASIONE DELLE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI PER GLI STUDENTI. LA VESPA ORGOGLIO ITALIANO AL CENTRO DEL DIBATTITO

Piedimonte Matese. L’Istituto Tecnico Industriale Statale “. G. Caso” di Piedimonte Matese, “silenziosamente”  sta  realizzando le iniziative programmate per l’anno scolastico 2017/18, finalizzate a far toccare con mano, ai propri studenti, il mondo imprenditoriale. Particolare successo ha riscosso l’incontro  formativo dalla Vespa al futuro – formazione d’eccezione per gli studenti: “La Vespa-evoluzione di una specie” era il titolo dell’incontro.  L’evento che è stato magistralmente organizzato, con il Patrocinio: della Fondazione Piaggio;  della Provincia di Caserta;  del Comune di Piedimonte Matese; dal: Dipartimento di Meccanica , Mecatronica ed Energia dell’Istituto “G. CASO”; dal Vespa Club  di Piedimonte Matese, il cui presidente è Antonio Capuano, un cognome che in questo territorio è sinonimo di Piaggio,  si è tenuto  sabato 27 gennaio 2018 nell’aula magna del suddetto Istituto in Via V. Caso.Il Prof. Edmond GALASSO – docente alla Pontificia Università Urbaniana in Roma –  Esperto divulgativo della Fondazione Piaggio di Pontedera – con una impeccabile conferenza ha fatto rivivere ai presenti , non solo la storia dell’Azienda Piaggio e della Vespa , ma ha coinvolto la platea focalizzando il momento politico-socio-economico della Nazione nel  periodo bellico e post bellico.Il Prof. Galasso, con indiscussa competenza, affabilità e passione per  la VESPA, è riuscito a catturare l’attenzione degli astanti e degli studenti in particolare, soffermandosi, sul particolare momento storico e su tutti i progressi e conquiste della Casa di Pontedera.Dall’ incontro é’ emerso che la storia della Vespa  è fatta di persone speciali  con in testa Corradino D’ASCANIO, dalla cui matita nel 1946, come si è visto nel documentario proiettato, presero vita le linee di una scocca del  tutto innovativa, linee che colpirono e fecero innamorare  l’imprenditore Enrico Piaggio, tassello fondamentale della storia Piaggio.E’ stata poi la volta di Giuseppe CAU, il” pilota leggendario senza il quale la Vespa non sarebbe stata la stessa”. Al nome di Giuseppe CAU i giovani, levatisi in piedi, hanno risposto con un interrminabile applauso.Giuseppe Cau, “giovane diciottenne, vive a Roma e lavorava presso l’officina meccanica di Luciano MORONI. Era addetto alla trasformazione in veicoli civili delle moto militari inglesi Norton, Triumph, BSA e Mattchless recuperate  nel deposito di Aversa  costituito dal Ministero della Ricostruzione appositamente per favorire il recupero dei residuati della grande guerra”. Di questo leggendario Eroe riparleremo tra non molto per quanto di seguito raccontiamo:

Al termine dei lavori, prendeva la parola il socio del Vespa Club di Piedimonte -. già Sindaco di Piedimonte Matese – prof. Marcellino DIANA, (Nella foto)  il quale, avendo conosciuto il prof. Edmond Galasso ed il leggendario Pilota Giuseppe CAU, nell’Aprile del 2014, all’incontro : “LA FRANCIA IN VESPA” svoltosi a Firenze a Villa Finaly in Via Bolognese- Sede dell’Università Di Parigi Sorbonne” (incontro al quale il Vespa Club Piedimonte Matese partecipò con un folto numero di vespe partite da Piedimonte raggiungendo Firenze senza un solo Km. di autostrada), dopo aver ringraziato il Relatore prof. Galasso, il Dirigente Scolastico Dott. Nicolino Lombardi, il Prof. Gianluca Martini ed il Corpo Docente tutto per l’impeccabile organizzazione del convegno, esternava al Prof. Edmond Galasso la richiesta di avere ospite nell’Aula Magna dell’I.T.I.S. di Piedimonte il grande Giuseppe CAU. Questi assicurava il proprio

interessamento a che la cosa si realizzasse.Prima di lasciare l’Istituto, il Prof. Galasso e consorte, accompagnati dal Dirigente Scolastico e dal Prof. Gianluca Martini, hanno visitato il museo di attrezzature e mezzi agricoli allocati al piano terra, fortemente voluto dal Dirigente Dott. Nicolino Lombardi. Gli ospiti si sono dichiarati entusiasti dell’iniziativa ed hanno spronato il Dirigente a continuare su quel filone.

Informazioni su Redazione ()
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: