Ultime notizie

PIEDIMONTE, CIRCOLO MATESE, AL TORNEO DI BILIARDO NELLA SFIDA “UNDER 100” BACCHIANI SI IMPONE SU STARITA

Redazione. Piedimonte Matese. Il Circolo Matese di piazza Roma fu fondato nel 1851. Con i suoi quasi 170 anni e’ il più antico della provincia e uno dei più longevi d’Italia. E’ sopravvissuto alla guerra e ai bombardamenti ma è ancora lì ad accogliere molti piedimontesi che si dilettano, soprattutto la sera, a giocare a biliardo oppure a tressette o magari a leggere un giornale e fare quattro chiacchiere. È  frequentato soprattutto da persone con qualche annetto sulle spalle, i giovani preferiscono infatti fare bisboccia da altre parti. Ogni anno al Circolo Matese si svolge il tradizionale torneo di biliardo con sfide alla goriziana e ai 5 birilli, dove l’età  media dei partecipanti si aggira sui settanta anni, con giocatori che a volte vanno molto più  vicini al secolo che ai novanta. Caso ha voluto che un perfido sorteggio abbia messo di fronte due “stecche” che sommando i loro anni vanno al di la dei 180 anni: Alberto Bacchiani, 96 primavere alle spalle e  Giuseppe Starita, ultra 85enne. L’ha spuntata il meno giovane ma più esperto Bacchiani che si è  imposto per 2-1. “Non ho fatto una delle mie migliori partite ma spero di migliorare nel corso del torneo”. Gli avversari sono avvertiti.

Informazioni su Emiddio Bianchi ()
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: