AI LETTORI, RIBADIAMO CHE I MESSAGGI DIFFAMATORI NON VERRANNO MAI PUBBLICATI SU QUESTA TESTATA

Dalla redazione|Come abbiamo piu’ volte riportato in passato, ci corre l’obbligo ribadire che i commenti diffamatori e anonimi non potranno mai essere pubblicati. Nelle ultime ore, anche e non solo per la vicenda della donna morta per il rifiuto di emotrasfusione, ci pervengono diversi messaggi offensivi nei riguardi di alcune persone. Se volete dire la vostra, questo giornale è aperto a tutti e non ha nessuna forma di censura ma frasi o interi messaggi che offendono altre perone, da noi , non verranno mai pubblicati. Per cui, è anche perfettamente inutile insistere, rimandandoci messaggi di accuse, secondo i quali  non verrebbero pubblicati perché siamo d’accordo con una delle due parti. Non siamo interessati a queste forme di competizioni ma a messaggi corretti e utili al dibattito.

 

 

About Lorenzo Applauso (2125 Articles)
Iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti, già direttore e fondatore della testata giornalistica italianews24.net e attualmente alla direzione di Casertasera.it. Collaboratore di numerose testate nazionali e locali.

5 Comments on AI LETTORI, RIBADIAMO CHE I MESSAGGI DIFFAMATORI NON VERRANNO MAI PUBBLICATI SU QUESTA TESTATA

  1. Vincenzo Corniello // 2 Ottobre 2019 a 11:41 // Rispondi

    Per il sottoscritto, però, in occasione della presentazione di un mio libro, fu pubblicato un messaggio offensivo nei miei confronti, firmato da un fantomatico Lucio. Inoltre, alla mia richiesta di conoscere colui che aveva scritto il “commento”, non fu dato mai seguito.
    Vincenzo Corniello

    • Quella fu una critica e non un’offesa caro Prof. Corniello che purtroppo non sei stato capace di accettare, seguito da una tua reazione sproporzionata, fuori luogo e offensiva nei confronti di chi come me, disinteressatamente, aveva anche sostenuto quella tua iniziativa che ancora oggi trovo lodevole. Quel messaggio del lettore, non lo ritenni offensivo e diffamatorio ma costruttivo e sicuramente accettato da chi ritenevo culturalmente all’altezza. Evidentemente, non fu cosi. Sbagliai nella valutazione. Cordialmente. Lorenzo Applauso

  2. Vincenzo Corniello // 2 Ottobre 2019 a 12:39 // Rispondi

    Se “questo libro mi sembra proprio una pagliacciata” era un commento, allora vuol dire che vivo in un altro mondo. Del perché è stato pubblicato in anonimato, poi, pure non son riuscito a comprendere.
    Infatti io mi firmo sempre, quando esprimo giudizi.
    Inoltre c’è proprio tanta, ma tanta coerenza, da parte di codesta testata sottolineare che “Dalla redazione, come abbiamo più volte riportato in passato, ci corre l’obbligo ribadire che i commenti diffamatori e anonimi non potranno mai essere pubblicati”.
    Mi rimane la curiosità di conoscere il fantomatico Lucio (se esiste veramente o è un nome di fantasia…), per capire le motivazioni di tali affermazioni anonime.
    Vincenzo Corniello

    • CERCO DI SPIEGARMI MEGLIO
      Volevo dire .. se il commento è diffamatorio e in piu anche anonimo (anonimo come aggravante). Era questo il senso. I commenti anonimi, purchè non ritenuti diffamatori, spesso, vengono da noi pubblicati se, costruttivi e danno possibilità ad un sano dibattito. “Lucio” o Luciano, non ricordo, era un anonimo che io non conosco. Forse, si è espresso in modo eccessivamente colorito, vogliamo dire cosi, ma non diffamatorio. Questo è il mio pensiero. Mi sbaglierò? Forse si secondo te, forse no, secondo altri. La vita è bella anche per questo. Senza rancore (da parte mia) Cordialmente.

  3. Ora ho compreso. Scrivere “questo libro mi sembra proprio una pagliacciata” è uno dei “commenti costruttivi che danno possibilità ad un sano dibattito”.
    Oltretutto penso che il commento sia anche diffamatorio nei confronti di uno come il sottoscritto che è giornalista (pare piuttosto apprezzato da 35 anni) ed ha pubblicato sette libri di cui uno presentato nel più antico teatro d’opera d’Europa.
    E l’anonimato? Un certo professore Federico Scialla mi ha insegnato che i messaggi anonimi non si pubblicano mai.
    Mi prenoto un posto in manicomio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: